Festival della carne di cane di Yulin: il Dolomiti pubblica la lettera del Fondo Amici di Paco all’ambasciatore cinese

Il giornale online Il Dolomiti ha dato ampio spazio alla lettera inviata da Diana Lanciotti all’ambasciatore cinese per stigmatizzare l’atrocità del Festival della carne di cane che ogi anni si svolge a Yulin e chiedere notizie sul suo svolgimento:

https://www.ildolomiti.it/societa/2020/yulin-torna-il-macabro-festival-dove-si-macellano-i-cani-ma-potrebbe-essere-lultimo-gli-amici-di-paco-scrivono-allambasciata-no-al-massacro

La vendetta dei broccoli su Libero

Oggi sul quotidiano Libero Miriam Romano ha scritto una recensione su La vendetta dei broccoli, il “giallo vegetariano” di Diana Lanciotti giunto alla decima edizione. Un libro che ha fatto innamorare migliaia di lettori e acceso un dibattito sulle scelte alimentari.

La vendetta dei broccoli
Diana Lanciotti
Paco Editore
288 pagine –
Prezzo 18 euro

Il libro è pubblicato da Paco Editore, la casa editrice nata per sostenere le iniziative benefiche del Fondo Amici di Paco. Il ricavato (compresi i diritti d’autore) è infatti devoluto al Fondo Amici di Paco per aiutare gli animali senza famiglia. Acquistarlo è perciò un gesto di grande solidarietà.

Può essere acquistato in libreria o direttamente dall’editore: sul sito www.amicidipaco.it o telefonando allo 030 9900732. Comprandolo direttamente dall’editore il ricavato per la beneficenza è maggiore.

Per informazioni: tel. 030 9900732, fax 030 5109170
paco@amicidipaco.it – www.amicidipaco.it

Salvini: galeotta fu la ciliegia. Ovvero: una ciliegia tira l’altra

Non si può dire che Salvini quando ci si mette non sappia far parlare di sé.
Ieri il Matteo nazionale è salito agli onori della cronaca grazie o a causa (ma credo più grazie che a causa) di un filmato andato in rete in cui lo si vede seduto a fianco di Zaia durante una conferenza stampa. Davanti a loro due vaschette di ciliegie, duroni di Marostica regalati da un fan leghista. Chi conosce i duroni di Marostica sa quanto siano buoni e sa anche che… una ciliegia tira l’altra.
Infatti…

Continua a leggere “Salvini: galeotta fu la ciliegia. Ovvero: una ciliegia tira l’altra”

Di Maio: il “ministro del giorno dopo”

Giggino Di Maio ci informa tramite Twitter che ieri la Svizzera ha riaperto i confini e lui… oggi ne ha parlato col collega svizzero…
A che serve un “Ministro del giorno dopo”?
Diana Lanciotti

P.S. Da un video diffuso in rete risulta che all’incontro Giggino si è presentato con un corteo di auto blu. Fonti della Farnesina assicurano però che gli ultimi 100 metri Gigì li ha percorsi col monopattino 😉

FESTIVAL DELLA CARNE DI CANE DI YULIN: È L’ANNO DELLA SVOLTA?

Diana Lanciotti, fondatrice del Fondo Amici di Paco, ha scritto all’ambasciatore cinese per avere notizie sul Festival della carne di cane che ogni anno si svolge a Yulin in giugno, auspicando che da quest’anno venga definitivamente vietato.

Dalla Cina arrivano due importanti segnali di cambiamento sui rapporti con gli animali domestici: la nuova classificazione del Ministero dell’Agricoltura che esclude i cani dagli animali da cibo, e il divieto di mangiare carne di cane e di gatto introdotto dalla municipalità di Shenzen, una delle più popolose città cinesi. Non si hanno però notizie sul Festival della carne di cane, che ogni anno si svolge a Yulin in giugno.

Continua a leggere “FESTIVAL DELLA CARNE DI CANE DI YULIN: È L’ANNO DELLA SVOLTA?”

ANTIVIRUS. Emergere dall’emergenza


Il ventunesimo libro di Diana Lanciotti per uscire dalle gabbie del Pensiero Unico Dominante

C’è un virus che serpeggia in Italia: la rassegnazione. Combattiamolo con l’informazione e il senso critico. Dall’autrice de “La vendetta dei broccoli” e “Black Swan”, spunti di riflessione per mantenere la propria libertà fisica e mentale e uscire dalle gabbie del Pensiero Unico Dominante.

“La pandemia provocata dal coronavirus ha inciso profondamente sulla nostra esistenza per quanto riguarda la salute ma anche lo stile di vita. Tutte le nostre certezze sono state messe in discussione e la paura giustificata è stata soppiantata da un terrore cieco che ha modificato i nostri comportamenti e annullato le nostre difese, soprattutto psicologiche. Il senso di annientamento e di sconfitta prevale in tante persone. Ci stiamo ammalando di rassegnazione, il male peggiore che dobbiamo combattere per uscire più forti di prima. Sotto il bombardamento di informazioni, a salvarci in questa fase e anche in futuro sarà la capacità di pensare con la nostra testa, di non accettare a priori il Pensiero Unico dominante, contro il quale propongo la ricetta del libero pensiero.”

Continua a leggere “ANTIVIRUS. Emergere dall’emergenza”