I nostri migliori amici

Un’aspirante star della pubblicità

Gentile signora Diana,
possiedo una bellissima Yorkshire Toy. Non è bellissima solo ai miei occhi, dato che la amo più di qualsiasi altra cosa, dal momento in cui mi ha ridato la vita, ma qualsiasi persona che la incontra mi dice che è splendida e che potrei farle fare qualche pubblicità.
Ho letto di Lei in Internet e per questo Le scrivo per chiederLe se mi sa suggerire dove mi posso rivolgere perché la mia piccola possa fare qualche pubblicità.
Inoltre sto scrivendo una specie di libro – diario di come il mio cane mi ha aiutato ad affrontare le crisi di panico, che mi hanno impedito di avere una vita per più di due anni; mi piacerebbe pubblicarlo in modo che la gente che soffre del mio stesso problema possa trovare un sostegno. Mi sa suggerire anche in questo caso come devo fare?
La ringrazio in anticipo.
Distinti saluti

Alberta B.

(clicca su “Leggi tutto” per leggere la risposta di Diana)

Gent.ma Alberta, sono sempre felice quando ricevo testimonianze di persone che traggono dalla compagnia dei loro amici animali conforto e additrittura aiuto ad affrontare momenti delicati della propria vita. Non sempre ci si rende conto che la presenza di un animale al nostro fianco è salutare e fonte di gioia.
Per quanto riguarda il Suo scritto, quando sarà completato e revisionato potrà mandarlo a Paco Editore (di cui sono direttore editoriale), in modo che io lo possa passare in lettura ai nostri consulenti. Di solito passa qualche mese per avere una risposta.
Per quanto riguarda il Suo desiderio di fare della Sua cagnolina una diva della pubblicità, non saprei che cosa consigliarLe. Come pubblicitaria so che ci sono agenzie specializzate in casting di animali, da proporre poi alle aziende che fanno pubblicità. Le può trovare facendo una ricerca su internet. Però gli animali usati per la pubblicità provengono quasi sempre da scuole dove vengono addestrati a diventare dei divi, bravi, obbedienti, capaci di recitare al solo cenno di una mano.
Ma credo che la domanda da porsi sia un’altra: siamo sicuri che alla sua cagnolina farebbe piacere, che trarrebbe qualche gioia e soddisfazione dal "vedersi" immortalata in qualche annuncio pubblicitario, o doversi muovere sul set per promuovere una scatoletta di pollo e verdure o… un colluttorio per cani?
Se lo chieda, glielo chieda. E forse la risposta è già in quanto mi ha scritto: "mi ha ridato la vita… mi ha aiutato ad affrontare le crisi di panico".
Credo che quanto la sua cagnolina ha già fatto e continuerà a fare per Lei sia la soddisfazione più grande. Per entrambe. Andarne a cercare altre che senso ha?
Un caro saluto

Diana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.