News

Tracciati, rintracciati, schedati… tartassati

Ho appena letto sul sito de Il Giornale un articolo molto interessante di Massimo Fini (il giornalista, non quello dell’appartamento di Montecarlo…) intitolato “Troppi moralismi: ridateci Berlusconi”.
Vi invito a leggerlo.
Questo è il link:

(Clicca su “continua” per leggere il seguito)

http://www.ilgiornale.it/economia/tro…comments=1

Dopo averlo letto mi sono chiesta: "Ma che cosa si è bevuto, Fini?" Non era lui che ce l’aveva a morte con Berlusconi? Certo, la sua analisi è purtroppo realistica. Ma che sia lui a invocare il ritorno di Berlusconi… Assurdo. Patetico, che vogliano continuare a prendersela con i "normali" cittadini, anziché con i poteri che hanno creato la crisi.
Ah, già, dimenticavo… sono proprio quegli stessi poteri che hanno messo lì a governarci, o meglio a farci sprofondare nel fango, questo gruppuscolo di professori, banchieri, finanzieri, per poter continuare a fare indisturbati i loro… se fossi maleducata direi porci comodi, ma visto che maleducata non sono mi limiterò a dire "i comodacci loro".
In ogni caso ciò che Fini scrive è purtroppo tristemente vero. Questi lestofanti delle banche vogliono impossessarsi della nostra vita privata… delle nostre anime. Vogliono rintracciare e tracciare ogni nostra spesa, ogni nostro esborso superiore (per ora) ai 300 euro.
Ma io, come tutti voi, con i soldi guadagnati con un lavoro onesto, non con le speculazioni finanziarie e gli intrallazzi, voglio poter fare quello che voglio, senza che nessuno decida per me, senza che nessuno mi "tracci" e mi schedi. Per poi, ovviamente, tassarmi e tartassarmi. Ingiustamente, nel modo più bieco e iniquo.
Vuoi vedere che ora fare acquisti e far girare l’economia è diventato illegale? Un atteggiamento punitivo che non possiamo sopportare. Possibile che a nessuno venga voglia di fare la rivoluzione, una rivoluzione pacifica ma per questo più efficace? Dove sono tutti quelli che a ogni battuta scema di Berlusconi levavano gli scudi, indignati, scandalizzati? Dove sono finiti, ora che c’è davvero bisogno di indignarsi e rivendicare i nostri diritti per impedire a questi vampiri della finanza internazionale di succhiarci fino all’ultima goccia di sangue? Dove sono ora, invece di insorgere per impedire a questi sciacalli di lasciarci in mutande?
Elezioni, elezioni subito! Ma se ci saranno, non votiamo più facce già viste. Cerchiamo davvero il nuovo, non ricaschiamoci un’altra volta.

Diana Lanciotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.