Protocollo di Kyoto: una giornata memorabile per il nostro pianeta

OGGI ENTRA IN VIGORE IL PROTOCOLLO DI KYOTO
Ricevo e pubblico volentieri un comunicato stampa inviatomi dal Ministero delle Politiche agricole e forestali. Se non fossimo sempre troppo distratti da notizie nefande, da acerrime lotte politiche che occupano le prime notizie di tg e giornali, potremmo forse renderci conto che oggi è una giornata fondamentale per l’ambiente. L’ambiente, che è poi la casa dove tutti noi viviamo, e alla cui “manutenzione” dovremmo contribuire tutti insieme, nessuno escluso. Anche se in troppi se lo scordano e pensano che siano sempre “gli altri” a dover provvedere.

UNA STORIA D’AMORE PER SAN VALENTINO

BLACK SWAN. STORIA D’AMORE E DI MARE
Con il successo del suo nuovo romanzo, Diana Lanciotti ha occupato una casella ancora vuota nel mosaico della narrativa italiana, inaugurando un filone inesplorato: quello del romanticismo d’azione, per libri adatti a ogni età e sesso. Una storia d’amore perfetta da regalare al proprio lui o alla propria lei per San Valentino.

Ordinanza Sirchia “Cani potenzialmente pericolosi” – Il parere di Emilio Nessi

Facendo seguito all’articolo di Diana Lanciotti sulla recente Ordinanza Sirchia (v. http://www.dianalanciotti.it/2003/09/la-bufala-delle-razze-pericolose/ ) abbiamo chiesto il parere di Emilio Nessi, famoso giornalista RAI amico degli animali e autore di Theo, il dono degli dei, edito da Paco Editore.

Continua a leggere “Ordinanza Sirchia “Cani potenzialmente pericolosi” – Il parere di Emilio Nessi”

Diventereste feroci anche voi…

 

A proposito dell’Ordinanza Sirchia sui cani “potenzialmente pericolosi” riportiamo un brano tratto da Paco. Diario di un cane felice in cui di Diana Lanciotti, che scrive “per conto” di Paco, dimostra come anche un Barboncino, anche un Chihuaha potrebbero diventare cani “pericolosi”, se addestrati con i metodi usati dalla criminalità per rendere feroci i pitbull e gli altri cani usati nei combattimenti.

Continua a leggere “Diventereste feroci anche voi…”