I nostri migliori amici

Anche gli animali vanno in Paradiso

Cara Diana, sono un’associata alla tua bellissima rivista e leggendo la lettera di una tua lettrice la quale, parlando della sua cagnolina che ha perduto nel 2007, ti chiede conferma al fatto che gli animali ci vedono e ci ascoltano dal paradiso, ho preso in mano un libro scritto da un sacerdote che opera in una parrocchia della mia città (Livorno) che si chiama Maurizio De Santis (Padre Nike per tutti).
Al termine del suo libro, Padre Nike si chiede, e ci chiede, se gli animali hanno un’anima e cita a proposito Paolo VI che affermò che i nostri animali li rivedremo nell’eternità di Cristo, mentre Giovanni Paolo II dice che Dio ha effuso l’alito vitale all’uomo e gli animali non ne sono privi.
Attualmente molti teologi si interrogano sull’argomento ed esprimono pareri discordanti. L’autore cita anche il libro di Giobbe che dichiara: “Egli ha in mano l’anima di ogni vivente”. E il libro di Qoèlet che dichiara: “La sorte degli uomini e quella delle bestie è la stessa, come muoiono queste, muoiono quelli. C’è un soffio vitale per tutti: non esiste superiorità dell’uomo sulle bestie”.
E infine la parola di san Paolo: “Tutti, uomini, animali, piante, terra, acqua sono in attesa della definitiva vittoria della vita sulla morte.”
Tutte queste belle parole sono sicuramente d conforto a tutti noi che amiamo gli animali, ti pare?
Ti saluto con affetto

Maria Rosa

(clicca su “continua” per leggere la risposta di Diana)

Cara Maria Rosa, ti ringrazio molto per aver voluto condividere con me, e quindi con i nostri sostenitori, il tuo pensiero e le importanti opinioni che hai raccolto su questo argomento. Un argomento molto sentito da chi ama gli animali e resta sbigottito davanti al timore che, finita l’avventura terrena, non ci sarà più modo di condividere con loro ciò che ci aspetta dall’altra parte. Ne ho parlato anche nel mio ultimo libro "La gatta che venne dal bosco", dove, accanto alla storia di questa magica gattina ho voluto inserire anche scampoli di vita e di pensieri personali.
Ti confesso che a volte, anche se mi impongo di credere, nutro dei dubbi sul fatto che ci sia davvero un aldilà… ma poi guardo negli occhi i miei cani, o i miei gatti, e la risposta mi viene proprio dai loro sguardi, così sereni, carichi di una fiducia e una consapevolezza che vorrei tanto avere io.
Non per niente qualcuno ha detto: “I cani sono la quintessenza della bontà, della purezza, della dedizione. Se Dio ci ha messo al fianco i nostri cani (o i nostri gatti), di certo l’ha fatto per fornirci un aggancio più diretto con lui.”
Ad averlo detto, anzi scritto… sono proprio io (nel mio libro "Occhi sbarrati- Reportage dal canile").
Perdonami l’autocitazione, ma a volte io stessa ho bisogno di rileggermi per darmi delle risposte che mi sono già data, in cui credo, a domande che a volte, di fronte a certe situazioni, mi faccio di nuovo. Per darmi, alla fine, la stessa risposta: sì, se c’è (come spero e m’impongo di credere) un aldilà per noi umani, ancor di più ci sarà per loro, anime splendide e pure, non contaminate dalla malvagità, dall’odio, dall’invidia tipiche degli uomini.
Non mi piace troppo dirlo, ma sempre più spesso quando si parla di superiorità dell’uomo sugli animali sento la necessità di averne le prove. Finora non ne ho trovate. Ho solo trovato delle profonde differenze… tutte a vantaggio delle specie viventi non umane…
Un caro saluto

Diana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.