I nostri migliori amici

Allergia al pelo di cane…

Diana, buongiorno,
sono Milena, una donna che ama infinitamente i cani e che fin da piccola ne ha sempre avuti.
L’ultimo mio fedelissimo amico 4zampe mi ha lasciato dopo una lunga vita con me (16 anni), lo tenevo sia in casa che fuori in giardino. Bravissimo e sopratutto tanto amato e che mi ha a sua volta amato in modo totale tanto da lasciarmi annientata di dolore, alla sua scomparsa 2 mesi fa.
Il problema che ho è che in questi ultimi anni ho sviluppato una forma allergica con rinite annuale persistente. Tra le cause anche allergia alla forfora del cane. Tragedia!!!I IO NON POSSO STARE SENZA UN CANE!
Le volevo chiedere, cortesemente: mi sa dire se è vero che le razze di barboncino e il cane de agua portoghese risultano essere due razze che non creano allergia, avendo meno forfora e perdendo meno pelo?
Vorrei adottare in seguito un cane del canile, ma con questo problema come fare?
Solo in giardino non mi va di tenerlo, mi sembra abbandonato a se stesso… con pochi contatti umani…
La ringrazio per quanto potrà dirmi e sappia che continuerò a leggere  tutti i libri di Paco Editore, ne ho tanti…
Grazie

Milena

(clicca su “Leggi tutto” per leggere la risposta di Diana)

Cara Milena, capisco il suo sgomento, oltre che il suo dolore.
Non conoscendo la materia, mi sono rivolta al dottor Piero Bianchi (di cui probabilmente avrà letto i libri editi da Paco editore), che mi ha risposto nei termini che le riporto:

– non mi risulta che Barbone e Cao de agua (due razze che peraltro sono imparentate tra loro) producano meno forfora rispetto ad altri cani, per cui non darei troppo credito all’ipotesi che siano "ipoallergenici" nei riguardi della nostra specie rispetto ad altri loro simili;

– in commercio (nei negozi per animali) esiste un prodotto che si chiama ALLERPET/DOG, da strofinare quotidianamente sul pelo dell’animale per attenuare i fenomeni di allergia nei nostri riguardi;

– è fondamentale spazzolare tutti i giorni l’animale (nelle stagioni di muta anche più volte al giorno), per evitare la dispersione del pelo (e della forfora) nell’ambiente;

– nei casi lievi (e comunque sempre sotto controllo e  prescrizione del medico) è importante assumere una terapia anti-allergica.

Per quanto mi riguarda, non posso che farle tutti i miei auguri perché nella sua vita (e nella sua casa) possa entrare di nuovo un amico peloso, con cui condividere serenamente (e in salute) tanti tanti anni felici.

Un caro saluto

Diana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.