News

“400 cani e gatti morti per i botti di fine anno”… chi li ha contati alzi la mano! (e smettiamola di dare i numeri)

Quanto c’è di vero nelle cifre diffuse il primo gennaio 2022 circa la morte di almeno 400 cani e gatti a causa dei botti? Ce ne parla Diana Lanciotti, giornalista esperta di comunicazione e fondatrice del Fondo Amici di Paco.

Il primo dell’anno l’agenzia di stampa Adnkronos e alcuni giornali, tra cui anche Repubblica, hanno denunciato la “strage” di cani e di gatti in seguito ai botti nella notte di Capodanno: 400 morti accertati più quelli di cui ancora non era giunta notizia, centinaia i fuggiti.
Ecco la notizia:

Secondo i primi dati diffusi dall’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente, nella notte di san Silvestro sono almeno 400 tra cani e gatti morti e centinaia quelli scappati di cui non si conosce la sorte. “Si tratta di un dato peggiore rispetto a quello dello scorso anno – sottolinea Aidaa – Anche se – fanno sapere gli animalisti – si tratta di un dato provvisorio. Le regioni con il maggior numero di animali deceduti sarebbero la Calabria e la Sicilia, seguiti da Lombardia e Campania”.

Il tutto parte da un comunicato diramato da un’associazione nota non tanto per gli aiuti agli animali bisognosi, quanto per l’immane quantità di dati allarmistici con cui regolarmente inonda le redazioni dei giornali.
Basta leggere qua:
https://www.lariobestiale.com/una-fake-news-quelli-dei-cani-abbandonati-a-causa-del-coronavirus/
http://www.enpa.it/it/72718/cnt/i-temi/cani-e-gatti-la-notizia-del-boom-degli-abbandoni-e.aspx
https://www.ilpattotradito.it/cani-abbandonati-causa-covid-19/
https://www.butac.it/700mila-cani-sui-balconi/
https://www.butac.it/halloween-gatti-neri-aidaa-atlas-obscura/

Ma vediamo di capire come è stato elaborato questo dato che, se vero, farebbe pensare, come qualcuno ha commentato, che il genere umano merita di estinguersi.
La notizia dei 400 cani e gatti morti nella notte di Capodanno viene messa in rete dal Messaggero alle 14.24 e da Adnkronos alle 14.39 del primo dell’anno. Allora: per redigere un comunicato, farlo avere alle redazioni, fare che queste lo leggano e imbastiscano un articolo qualche tempo ci passa. Vogliamo dire dalle 4 alle 5 ore, per essere ottimisti? Consideriamo poi che siamo al primo dell’anno, e le redazioni sono inevitabilmente sguarnite. Ma forse è proprio su questo che fa conto il nostro infaticabile diffusore di notizie, sollecito e solerte ad affermare, all’alba del 1° gennaio, che almeno 400 cani e gatti sono praticamente appena morti in tutta Italia e… siamo in attesa di dati più aggiornati. E che migliaia sono fuggiti, come titola il Messaggero. Che però, forse per un rigurgito di coscienza del redattore, nell’articolo ridimensiona il numero dei cani in fuga: da migliaia  a “centinaia”.

Vien da chiedersi come possa il diffusore di notizie avere il polso della situazione in tempo reale, quando ancora gli echi dei botti non si sono spenti. Dobbiamo forse credere che avesse creato una linea diretta lungo tutta la penisola con i proprietari di cani e di gatti (!), i quali durante la notte l’hanno tenuto informato delle morti causate dai botti?
Ma vi sembra realmente possibile? Vi sembra serio dare ascolto a chi diffonde dati senza il minimo supporto di verità, per darli in pasto ai media ingordi di numeri che diano sostanza alla notizia?
È vero che da anni il Fondo Amici di Paco, che ho l’onore di avere fondato, promuove la campagna “Botti? No, grazie” per sensibilizzare l’opinione pubblica sui pericoli dei botti. È un dato di fatto incontrovertibile che lo scoppio di un botto sia traumatizzante se non dannoso per gli animali, ma da qui a confezionare numeri per fare scalpore ce ne passa.

Nel caso in questione, va ricordato che si tratta della stessa persona che nel 2019 ha diffuso la notizia che 700.000 cani vivono relegati sui balconi, e che 1.200 di questi sono morti per il caldo. C’è da chiedersi se sia andato a contarli uno a uno, aggirandosi per le città e i paesi, o se abbia creato una linea diretta, in questo caso con vicini spioni, oppure se abbia impiantato uno speciale sistema di monitoraggio, magari avvalendosi di supertecnologici droni che scovino a colpo sicuro il cagnolino segregato sul balcone. Ma non uno, o dieci, o cento: settecentomila!
Anni fa, uno dei grandi pubblicitari che hanno fatto la storia della pubblicità (un’arte oggi sempre più bistrattata da una generazione di pivellini che non hanno capito la grande responsabilità che un pubblicitario, così come il giornalista, ha nell’influenzare non solo e tanto i consumi quanto il pensiero e i comportamenti del pubblico), mi disse che i giornali sono solo dei grandi scatoloni da riempire. E, facendo la pubblicitaria e anche la giornalista, mi sono resa conto che aveva ragione. Quello che conta è con che cosa li riempi: se ci metti solo fuffa ti ritroverai con uno scatolone da buttare al primo cassonetto per non averlo tra i piedi. Se lo riempi di oggetti di valore, lo conserverai e ne avrai cura.
Credo che i buoni giornalisti e i buoni animalisti debbano combattere insieme questa cattiva abitudine di riempire i giornali di merce avariata, che finisce per fare danni all’immagine e alla credibilità del loro impegno.

Invece purtroppo la mentalità di tanti colleghi giornalisti è orientata allo scoop, al numero roboante che dia spessore a una notizia che in realtà ne avrebbe meno di una carta velina. E più caricano di dati le notizie e più sono convinti di permearle di valore, anche se spesso si tratta di dati inverosimili e di notizie farlocche. Tanto chi controlla? Non di certo il pubblico, il più delle volte impreparato, non in grado di verificare la fondatezza di ciò che legge o ascolta, troppo spesso incline a bersele tutte, pensando che chi pubblica una notizia abbia provveduto a controllare le fonti. Ma così non è.
Troppa spazzatura circola nelle redazioni, e anziché essere gettata viene pubblicata, facendo diventare i giornali o i notiziari essi stessi spazzatura.

E chi ci dice che lo stesso non stia succedendo con le notizie relative al covid, con questa ossessione per i dati, che vengono diffusi a raffica gonfiandoli a ogni successivo notiziario, o di testata in testata? Pare ci sia una gara a chi spara il dato più alto e impressionante, un po’ come fanno i pescatori quando, a forza di raccontare del pescetto appena pescato, ogni volta lo allungano di qualche centimetro, così che la sogliola pescata all’alba al tramonto diventa un pescecane. O come quei velisti della domenica che, trovatisi la mattina in mezzo al mare increspato e 5 nodi d’aria, a forza di raccontarla a sera paiono reduci dalla tempesta del secolo.
Capita, quando certi giornalisti scambiano la loro professione per quella dello strillone.

Diana Lanciotti

 

Per informazioni, acquisti e donazioni:
Fondo Amici di Paco tel. 030 9900732, paco@amicidipaco.it, www.amicidipaco.it
Per devolvere il 5×1000 al Fondo Amici di Paco per aiutare tanti animali in difficoltà il codice fiscale da indicare è: 01941540989

Simona Rocchi
ufficio stampa Fondo Amici di Paco e Paco Editore
simona@amicidipaco.it

 

Sulla cattiva abitudine di “dare i numeri” da parte di certi animalisti, leggete l’articolo di Diana Lanciotti:

 

Le cifre sull’abbandono dei cani: SMETTIAMOLA DI DARE I NUMERI.

9 commenti

  • Lucia

    Cara Diana, realistica, incisiva e sincera come sempre. Certi personaggi fanno male all’animalismo e certi giornalisti fanno male al giornalismo.
    Parlo da giornalista ma anche volontaria in un rifugio, perciò so che cosa significa.

    Grazie per il tuo incessante e ammirevole impegno

    Lucia

  • Gino

    Giustamente parli con cognizione di causa di una materia che conosci ed esponi con chiarezza la situazione di un mondo animalista non sempre veramente interessato al bene dei nostri fratelli minori. Per fortuna ci sei tu e ci sono persone come Cosetta di Olbia che si dedicano con amore e passione a dare il buon esempio.

    Grazie e buon 2022

    Gino

  • S.C.

    Corre l’obbligo di farvi sapere che la notizia non è verificabile, e in quanto tale, non veritiera. Non vi è infatti provenienza del dato, come si afferma anche sul periodico online Kodama che sottoscrivo in pieno. I dati relativi a carcasse rinvenute sul territorio sono difficilissimi da reperire, in quanto a disposizione soltanto delle Asl, che li recuperano attraverso le ditte di rimozione. E’ pertanto impossibile sapere in meno di una settimana quanti sarebbero stati gli animali rinvenuti privi di vita e poi, senza alcun accertamento giudiziario, sapere se la causa siano stati i botti di Capodanno. Vi prego di non dar voce a notizie prive di fondamento. Grazie, saluti
    S. C.

    • Diana Lanciotti

      Gentile signora, se oltre al titolo leggerà anche il contenuto dell’articolo scoprirà che sono assolutamente d’accordo sul fatto che la notizia è totalmente priva di fondamento.
      Grazie comunque per il contributo alla discussione

      Diana Lanciotti

  • Maria Vittoria

    Mia carissima amica, hai ragione come sempre.
    Questi cosìddetti ” giornalisti’ danno i numeri pur di riempire spazi dei paginoni di giornali.
    Li danno con statistiche taroccate o per diffondere notizie allarmistiche.
    Poi se si riferiscono a cani, gatti o persone per loro la sostanza non cambia.
    Più di diffonde paura più la gente si isola, si inasprisce, e incattivisce e spera nel Salvatore della patria che li liberi da tutto ciò: lui è buono, lui è il migliore, lui ci salverà da ogni male, lui è già qui ad occuparsi della nostra salute. È il DRAGO!!! DRAGHI!!!

    Maria Vittoria

  • Simona

    Diana, questo pseudoanimalista che da anni diffonde bufale lo conoscono tutti e non si capisce perché i giornalisti gli diano ancora spazio. Come dici tu hanno i loro scatoloni da riempire, ma poi non si lamentino se i giornali non vendono: a pochi piace comprare spazzatura!
    Grazie per aver fatto chiarezza

    Simona

  • Lorena

    Cara Diana, quel signore è un mitomane e dargli visibilità non è corretto soprattutto verso tutti gli animalisti che si impegnano con serietà.
    Buon 2022!

    Lorena

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *