“Nuovi casi” Covid: oggi numeri ancora più gonfiati

Ci risiamo con i numeri dei nuovi casi “gonfiati”. Chi mi segue sa qual è l’errore nel conteggio. Chi mi legge solo ora può seguire le… puntate precedenti dai link a piè di pagina.
Da giorni sto facendo queste analisi, ma pare che a nessuno dei miei colleghi giornalisti interessi approfondire e capire come mai si continua a definire “nuovi casi” o “nuovi contagi” un numero che comprende anche i guariti e i morti. Oggi, addirittura, come vedete dal riquadro in alto, la cifra che i media diffondono è superiore di ben 10.573 unità.

Come sempre, la prova di questa “lievitazione” ce la dà la tabella diramata dal Ministero della Salute:

Prendete nella prima tabella (9 novembre) il totale della 5a colonna grigia da sinistra: il “Totale attualmente positivi”. Quindi togliete il totale della 5a colonna grigia della seconda tabella (8 novembre).
In questo caso, cioè, dovrete calcolare 573.334 – 558.636 = 14.698  (e non 25.271 come i media scrivono contando anche i guariti e i deceduti).
Anche oggi stanno gonfiando i numeri di 10.573 unità.
Ovviamente sono falsati anche i dati delle singole regioni.

E invece i media riportano la cifra di oltre 25.000 “nuovi casi”, come fa ad esempio Adnkronos:

senza specificare che si tratta della somma di positivi + guuariti + deceduti.

 

 

 

Proviamo a diffondere questi dati nella speranza che qualcuno prima o poi ci dia conto dell’equivoco o dell’inganno. Oppure ci spieghi quale magico lievito si usa per gonfiare così straordinariamente le cifre.
Il dubbio resta lo stesso dei giorni scorsi: se barano su questi numeri che sono facilmente reperibili, che cosa fanno con i dati che continuano a tenere nascosti?

Diana Lanciotti

P.S. Puntata precedente:

Covid: continua il calcolo sbagliato dei “nuovi positivi”

2 commenti per ““Nuovi casi” Covid: oggi numeri ancora più gonfiati

  1. Mi scusi ma il ragionamento che fa è totalmente errato. Nuovi casi sono i nuovi positivi del giorno, ovviamente l’incremento casi attivi rispetto al giorno precedente (che NON sono i nuovi positivi) è dato da nuovi casi-guariti-decessi. Senza entrare nel merito del virus, quei numeri non hanno nulla di gonfiato, basta saperli leggere

    1. Vedo che c’è una gran confusione. I nuovi positivi non possono essere i guariti e i morti. Legga la tabella che ogni giorno dirama il Ministero della Sanità e si accorgerà che i giornalisti prendono il dato positivi + guariti + morti (colonna grigia, colonna verde, colonna rossa). Forse non hanno voglia di calcolare l’incremento rispetto al giorno prima e li definiscono “nuovi positivi”. Ma non è così. Basta che aumentino (come sta succedendo) i guariti che il numero “casi totali” aumenta.
      Il Ministero fornisce i dati, magari non semplici da interpretare, però uno sforzo andrebbe fatto.
      Cordialmente

      Diana Lanciotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *