I nostri migliori amici

Meggie

Ciao Diana.
Io mi chiamo Meggie e sono una cana di 10 anni che ha un cancro al naso. Leggo spesso la storia di Paco e mi emoziono sempre un po’… mi sa che tra un po’ raggiungero’ Paco… e se mi abbaia tanto gliele do sai… sono mica scema che mi faccio mettere le zampe addosso…
La mia mamma mi trovo’ al canile di Arezzo. Mi avevano sequestrata dopo un feroce maltrattamento, non servivo piu’ a cacciare e mi avevano messo in una gabbia per conigli, non avevo da mangiare, cercarono di farmi fare dei cuccioli ma si scordarono pure di loro… uno mi stacco’ una mammella.. non avevo piu’ da mangiare se non lucertole. Quando entrai in canile ero 12 kili…
Poi venne una signora a cui era morta una canina dolce dolce e scelse me, nonostante fossi vecchiotta, bruttina e senza una mammella e con un’altra che mi arrivava tanto in giu’.
I primi tempi non volevo stare in quella casa e ne combinai di tutti i colori, ma la mia mamma che e’ pure tosta decise che la doveva aver vinta lei… che palle….. poi pero’… mia mamma mi dice sempre che con l’altro cane fu amore a prima vista ma che io le sono entrata dentro la pelle e ora… ci amiamo alla follia. C’e’ anche il babbo ma io voglio piu’ bene a lei , sai…
Poi a novembre mi trovaromo un mastocitoma ed un tumore al nasino, mi rimossero il mastocitoma e iniziai la radioterapia al nasino… sono stata molto bene sai!! Sempre con la mia mamma avanti e indietro da Bologna. Ma ora il tumore e’ ripartito e mi hanno trovato pure una metastasi…
Mia mamma tiene duro, ma io so che piange sempre di notte e non si vuol fare vedere da me.
Quest’anno abbiamo fatto delle ferie molto belle, ho sentito la mia mamma che ha detto al babbo che sarebbero state le ultime ferie… boh, chissa perche’… quasi quasi ti metto una fotografia mia con il cappellino sulle Dolomiti perche’ il sole era forte , e poi mi usciva il sangue dal nasino.
Dai dai… se vedo Paco te lo saluto
Ciao

Meggie
e la mamma Egi
… colta da raptus in un momento di profonda crisi…
Grazie per le sue pubblicazioni.

(clicca su “continua” per leggere la risposta di Diana)

Cara Meggie, sono tanto tanto triste per te e la tua mamma.
Il gesto che lei ha fatto ridandoti la dignità e l’amore che ti avevano tolto andava ricompensato meglio, invece che da tutto questo dolore.
Io che difficilmente mi arrendo prego per te, per voi, e spero in un miracolo. Ne fanno per gli esseri umani, perché non dovrebbero farne anche per una cagnolina che ama tanto ed è tanto amata?
Egoisticamente ti direi: salutami Paco quando lo vedi.
Ma preferisco dirti: Meggie, aspetta. Paco è sempre là, non c’è fretta.
Resta ancora qua: qualcuno ha ancora tanto bisogno di te.
Un bacino sul naso

Diana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.