News

È morto Napolitano. Ricordiamolo come merita

 

Mettiamo le mani avanti per non essere tacciati di cinismo. E preghiamo per l’uomo Naplitano, anche se lo stesso Papa Francesco davanti alla bara di colui che in vita ha professato una sola fede, quella comunista, non ha osato farlo evitando persino di farsi il segno della croce. Tempi che cambiano. In peggio.

Ma come politico ricordiamolo come merita:

 Fu (immeritatamente) Presidente della Repubblica Italiana.

Non trovo altro da dire, se non rispolverare quanto in passato scrissi di lui:

Berlusconi se ne va: c’è poco da stare allegri

Alla faccia dei terremotati

 

La saggezza di Napolitano

 

Napolitano bis

 

Così parlò Napolitano-One

 

Una “frustata” ai partiti… da che pulpito!

 

Ormai è chiaro: si è trattato di un colpo di stato

Finalmente fuori dai piedi

Resta la curiostà di sapere come sarà l’incontro nell’Aldilà tra Napolitano e Berlusconi. Ne avranno di cose da dirsi…

Diana Lanciotti

Un commento

  • Maria Vittoria

    Diana carissima, grande come sempre!
    Ancor più se si considera come nel tempo le tue analisi o meglio la tua elegante satira,senza mai scadere in facili stereotipi di disprezzo, aleggia rapida,ma pungente,precisa colpisce nel segno e ti fa percepire la pochezza di un uomo che ha la presunzione di difendere libertà e democrazia.
    Ma poi lui il migliore, colpisce il popolo defraudandolo proprio della sua prerogativa di eleggere e scegliere il proprio governo.
    Ma lui,come ben sottolinei,sa come correggere il popolo bue!!
    È vero che la sovranità appartiene al popolo,ma dall’alto del Colle lui vede e provvede…
    Tu hai saputo vedere subito l’alta figura del monarca appena scomparso e gli ultimi “coccodrilli”apparsi su tutti i giornaloni ,ora ci fanno davvero piangere sulla sorte del nostro povero paese,misera colonia angloamericana di cui “il fu” è stato servo esecutore.
    Maria Vittoria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due + 14 =