News

Belpietro lascia Libero: iniziate le epurazioni renziane…

L’editore di Libero, il quotidiano che finora, grazie alla conduzione di Maurizio Belpietro aveva fatto onore al proprio nome, ha deciso di licenziare il direttore per le sue posizioni antirenziane e per essersi pronunciato per il NO al prossimo referendum che, se vincerà il SI’, lascerà spazio a una vera e propria dittaura “democratica” a favore di un premier impostoci con la forza, non voluto, appioppatoci come un vero e proprio flagello, per farci espiare colpe che non abbiamo (anzi, che abbiamo, visto che non siamo capaci d ribellarci al dispotismo della politica che ignora la volontà dei cittadini e la calpesta e dileggia dalla mattina alla sera).
Con il licenziamento di Maurizio Belpietro è ufficiale: da oggi inizia la dittatura di Renzi e dei suoi mandanti.

In onore di un direttore libero veramente, vi invito a leggere un brano del suo editoriale di oggi.

L’ultimo editoriale di Belpietro

Il suo addio al quotidiano Libero

Come vostro estimatore e lettore dalle origini, visto il titolo della rubrica lettere nel merito degli articoli di Feltri e Giordano, mi chiedo: ma la posizione della direzione di Libero verso il referendum costituzionale è per il sì o per il no?
Mario Neri da Belluno

Caro Neri, non so cosa pensi la direzione di Libero, so che cosa pensa Maurizio Belpietro che fino a questa sera di Libero è il direttore. Io sono per il No e per un motivo molto semplice: perché la riforma costituzionale su cui gli italiani sono chiamati a pronunciarsi non è equilibrata ma pende tutta a favore di Renzi. Non sono mai stato tra coloro che difendevano a spada tratta la nostra Carta, né l’ ho mai definita come alcuni «la più bella del mondo». Le mie opinioni al riguardo coincidono con quelle di Indro Montanelli, quando Montanelli era Montanelli e non era ancora stato roso dal tarlo dell’ anti-berlusconismo. Credo che la Costituzione sia il frutto di un brutto compromesso e la si debba rendere più moderna e efficiente, togliendole alcuni orpelli ideologici di cui ridonda. Tuttavia penso anche che non si fa la riforma della Costituzione contro qualcuno, né la si fa per consolidare o conservare il potere di qualcuno. E invece la riforma voluta da Renzi punta proprio a questo. Anzi: punta solo a questo. Non a risparmiare, non a velocizzare i processi decisionali, ma a consentire che le sue decisioni non incontrino gli intralci del Parlamento. Renzi si è fatto una Costituzione su misura, dopo essersi fatto una legge elettorale su misura, con la quale deciderà lui, capo del governo e capo del Pd, chi far sedere a Montecitorio. L’ uomo è pericoloso per come gestisce il potere, per come lo occupa e per come lo usa contro gli avversari. Con in mano una Costituzione che gli assegna pieni poteri lo sarà ancora di più.
Sono cresciuto in un’ epoca in cui la sinistra viveva con l’ ossessione del golpe, convinta che i fascisti e la Cia preparassero un colpo di Stato. L’ ossessione del putsch non mi sfiorava allora e non mi sfiora ora. Quello che Renzi prepara non è un golpe. Il presidente del Consiglio sta solo apparecchiando una dittatura democratica, dove le forme della Repubblica sono rispettate, ma a Palazzo Chigi governa un monarca. La dissidenza non è contemplata e neppure la critica. Qualcuno dice però che Silvio Berlusconi si è reso colpevole di aver approvato la riforma, almeno all’ inizio, prima di rendersi conto che il patto del Nazareno in realtà era un pacco. E dunque accusa il Cavaliere di giravolta. E allora? Chi non fa capriole in politica?
Per non dire sui giornali. Come girafrittate il premier è un campione e non bisogna fare sforzi per averne prova: è sufficiente rileggersi ciò che ha detto l’ altro ieri quando ha accusato l’ opposizione di personalizzare contro di lui il referendum e quanto lo stesso Renzi dichiarava un paio di settimane fa. È il capo del governo ad aver trasformato il plebiscito di ottobre in un plebiscito su di lui, ma ora preferisce sostenere che siano stati gli altri.  Del resto, non si fa politica se non si sa raccontare un certo numero di bugie. Nel caso del presidente del Consiglio per elencarle tutte serve un’ Enciclopedia, ma tutti ricordano – anche perché lo scrisse in un libro – che non si sarebbe candidato alla segreteria, salvo poi farlo qualche mese dopo…

(Articolo tratto dawww.liberoquotidiano.it)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.