Costa Paradiso (ma non solo) su La Verità di oggi

Di seguito riportiamo il testo della pagina:

SARDEGNA – COSTA PARADISO

Storia di un paradiso (non) perduto

La località sarda che fu il nido d’amore della coppia Vitti-Antonioni e il rifugio di personalità dello spettacolo, della cultura e della moda, vive un momento di tensione a causa di una diatriba tra i proprietari delle case del comprensorio e il Comune. Insieme a Diana Lanciotti, giornalista e scrittrice gardesana che ha coronato il sogno di vivere nel posto che ama, cerchiamo di conoscere meglio queste problematiche, per capire quali sono le prospettive e le soluzioni.

In Italia ci sono luoghi di una bellezza che non ha nulla da invidiare alle più gettonate mete esotiche. Uno di questi si trova in Gallura, nel nord della Sardegna. È Costa Paradiso, un comprensorio unico al mondo affacciato sul Golfo dell’Asinara, famoso per i tramonti spettacolari e le rocce che nei millenni il vento e il mare hanno scolpito in forme incredibili.
Nata negli anni ’60 dall’intuizione di Pierino Tizzoni, imprenditore italo-svizzero che la concepì come insediamento residenziale privato, Costa Paradiso ha visto prestigiosi architetti del calibro di Alberto Ponis misurarsi nella progettazione di case create per non invadere l’ambiente ma compenetrarsi con esso, o come Dante Bini, noto per le costruzioni ispirate alle conchiglie marine, al quale il regista Michelangelo Antonioni fece progettare una casa avveniristica da condividere con Monica Vitti: la famosa Cupola, che quest’anno è stata candidata dal FAI – Fondo Ambiente Italiano tra i “Luoghi del cuore”.
Otto milioni di metri quadrati di rocce monumentali, corbezzoli, lentischi, cisti, lecci, ginepri, eriche, elicrisi, ginestre, rosmarini e lavande selvatiche, dove le prime case si inserivano sommessamente. Così mimetizzate che per vederle devi sapere dove sono. Costa Paradiso fu il buen retiro di personalità della cultura, dello spettacolo, della moda, della politica, del giornalismo. Il già citato Antonioni, l’attrice Macha Meril, il pittore Sergio Vacchi, i fratelli Giuffré, gli stilisti Sergio Soldano e Luisa Spagnoli, Gina Lollobrigida, il console americano Hartley, Cino Tortorella (il famoso “mago Zurlì”). Personaggi diversi, protagonisti di un’avventura appena agli inizi, accomunati dall’amore per un posto che a poche ore dalla “civiltà” offriva totale isolamento, in una natura selvaggia. Grazie all’unicità del territorio e alla privacy favorita da case acquattate tra le rocce e la macchia, Costa Paradiso divenne la risposta antimondana e distintiva (dove la distinzione era data dalla sobrietà e dal rispetto per l’ambiente) alla Costa Smeralda. Mondanità e prime pagine dei giornali da una parte, difesa a oltranza della pace e della privacy dall’altra (i paparazzi sulle tracce della coppia Antonioni-Vitti venivano tenuti fuori dalla sbarra e i guardiani erano incaricati di negare che lì sorgesse la casa del regista). Negli anni Settanta, la cementificazione selvaggia sfiorò anche questo angolo di paradiso: un’inspiegabile modifica del piano regolatore permise di accorpare le cubature e di costruire piccoli e medi condomini, snaturando l’idea originale che prevedeva una sola casa per ogni lotto.
Di Costa Paradiso, com’era e com’è oggi, ci parla Diana Lanciotti, pubblicitaria, giornalista e autrice di libri diventati veri e propri cult (come la quadrilogia di Paco, i romanzi d’amore e avventura nel filone del “romanticismo d’azione”, il giallo vegetariano La vendetta dei broccoli). La scrittrice gardesana è anche famosa per le sue iniziative a favore degli animali attraverso il Fondo Amici di Paco, l’associazione no profit da lei stessa fondata 23 anni fa, una delle realtà più attive a livello nazionale, Meno noto, ma non meno attivo, il suo impegno a favore del comprensorio sardo in cui vive con il marito Gianni Errico, architetto, e dove ha ambientato parte dei suoi libri, come Black Swan e Mamma storna. L’amore per la Sardegna la porta ad aiutare in particolare i rifugi sardi che salvano dall’abbandono migliaia di cani e gatti.

L’incanto della prima volta
«Chi arriva a Costa Paradiso per la prima volta», racconta Diana, «resta incantato dalle rocce, dalla natura, dagli scorci mozzafiato che cambiano spostandosi anche solo di pochi metri. Rispetto all’inizio, una parte del territorio è densamente edificata, anche se non si arriva ai livelli di altre zone d’Italia. Il cambiamento lo nota chi, come me, ha visto questo posto mutare nel tempo, ma per fortuna ci sono zone dove la natura è ancora selvaggia, dove le case sono presenze discrete e le rocce e la vegetazione sono gli elementi “architettonici” più visibili. Nessun architetto e nessun paesaggista saranno mai in grado di imitare la bellezza e la perfezione della natura. Costa Paradiso ne è la prova. Ci sono panorami che continuano a emozionarmi come quarant’anni fa, quando arrivai per la prima volta, in una limpida giornata di maestrale. Un’amica ha definito Costa Paradiso un “festival di emozioni”: non saprei trovare definizione più adatta.»

Vacanze, ma non solo…
«Un po’ per il clima, un po’ per l’unicità del posto, sempre più persone decidono di passare a Costa Paradiso buona parte dell’anno, se non tutto. Qua non esiste la monotonia, né la solitudine intesa come triste isolamento, neanche fuori stagione. Tanti stranieri l’hanno scelta per trascorrere periodi sempre più lunghi: un posto in pieno Mediterraneo a un’ora d’aereo, dove si sta in maniche corte quando a casa c’è la neve. Un bagno energizzante di luce, colori e profumi. Molti hanno comprato casa qui e fanno vivere l’isola per tutto l’anno fuori dal periodo estivo: è il target su cui puntare, rendendo più allettante il soggiorno, qualificando servizi e strutture.»

La forza rigenerante del maestrale
«Fuori stagione il mare sferzato dal maestrale esprime tutta la sua potenza, mentre in estate quando è calmo rivela fondali tra i più belli al mondo. È il maestrale che ha permesso a questo posto di diventare com’è, scavando le rocce in straordinarie sculture. Qualcuno ha detto che il maestrale ripulisce l’aria ma anche i pensieri. Per capirlo, basta sedersi su uno scoglio durante una maestralata e inspirare l’aria pulita che purifica e rigenera.»

Passato e presente
«Del passato resta l’incanto di una natura prorompente, con le rocce di granito rosa scolpite dal maestrale nelle forme più impensabili, e la vegetazione che si compenetra con le rocce stesse. E poi i tramonti: ogni giorno dell’anno Costa Paradiso mette in cartellone uno spettacolo diverso, che ho immortalato in migliaia di fotografie. È un posto magico, soprattutto fuori stagione, quando si può goderne la maestosità silenziosa, che mette soggezione e invita alla riflessione. È proprio fuori stagione che Costa Paradiso, come il resto della Sardegna, dà il massimo. Chi viene solo in agosto non immagina quanto da ottobre fino a giugno sia verdissima e fioritissima. Rispetto al passato, si è conservato lo spirito di appartenenza a un luogo che ti cattura come pochi altri. I legami e le amicizie che nascono qui hanno un collante fortissimo: la condivisione di una passione per un posto unico.»

Case vecchie e case nuove
«Le case più vecchie, progettate dall’architetto Alberto Ponis, sono le più connaturate col luogo. Dopo di lui qualcuno ha provato a costruire ignorando il genius loci, piazzando case che in un contesto tanto particolare ci stanno come i cavoli a merenda. Per fortuna è in corso un attento recupero delle prime case, un restauro filologico ma nello stesso tempo con contenuti di modernità che le rendono più godibili secondo i nuovi standard costruttivi e le nuove esigenze abitative. Mio marito ha seguito e sta seguendo la riqualificazione di alcune delle splendide case di Ponis che l’usura del tempo e le sopravvenute necessità della committenza avevano reso poco fruibili, facendole rinascere. La Cupola di Antonioni, invece, ha cambiato proprietà ed è ridotta a un’astronave abbandonata e fatiscente. Ciononostante, conserva il suo fascino. Basterebbe un attento restauro per riportarla all’originario splendore. La natura rocciosa del terreno è una sfida per i progettisti, che se accettano il vincolo naturale riescono a esprimere la loro più alta creatività.»

La querelle della rete fognaria
«Da qualche anno tra la Comunità di Costa Paradiso, che rappresenta oltre duemila proprietari ed elegge un proprio C.d.A., e il Comune di Trinità d’Agultu, di cui il comprensorio fa parte, è in corso una diatriba sul completamento della rete fognaria che non è più adeguata a servire un così elevato numero di utenze. Costa Paradiso sta scontando anni di amministrazioni “distratte” rispetto ai veri problemi. L’attuale Consiglio di Amministrazione, con il consenso dei proprietari, sta cercando di risolverli nel rispetto delle leggi vigenti. Purtroppo il Comune e parte dell’imprenditoria stanno frenando il normale iter che prevede il coinvolgimento degli enti preposti (Egas e Abbanoa). La situazione si sta trascinando da troppi anni. Sono tante le questioni in sospeso e le domande che sorgono: come mai il TAR, che dovrebbe decidere a chi spetta l’onere dell’impianto fognario, da otto anni continua a rinviare la sentenza, lasciando che il territorio viva in buona parte in una situazione di illegalità, con scarichi non consentiti? Come mai il Comune per anni ha rilasciato permessi di costruire anche su terreni non allacciati alla rete fognaria? Come mai gli enti preposti, pur avendo partecipato a diversi tavoli della trattative, non danno seguito agli accordi presi e non si assumono i propri obblighi? Come mai i proprietari, attraverso la Comunità che li rappresenta, da anni devono prendersi in carico la gestione (con conseguenti spese e responsabilità) di opere pubbliche che non competono loro, come il depuratore e le strade? Come mai questa parte d’Italia viene ignorata da chi dovrebbe far rispettare le normative? Eppure non è il Far West… Siamo più di duemila proprietari e come cittadini italiani che pagano le tasse e hanno investito sul territorio abbiamo il diritto e il dovere di abitare in case a norma di legge e di chiedere a chi deve provvedere di farlo al più presto. Non esiste da nessuna parte che tocchi al privato cittadino farsi carico di opere pubbliche, soprattutto quando c’è di mezzo la salute e la legge stabilisce chiaramente i ruoli. È assurdo che un territorio, di cui Costa Paradiso dovrebbe essere il fiore all’occhiello, non riesca a uscire da questo impasse e che qualcuno alimenti ingiustificate diffidenze raccontando che i proprietari delle case vogliono accollare ai cittadini di Trinità le spese della fognatura. Non è vero: la fognatura andrà fatta seguendo la normativa, con il coinvolgimento degli enti preposti, come nel resto d’Italia. A questa annosa querelle ora si aggiunge l’emergenza rifiuti, che proprio nella stagione propizia agli incendi sta diventando letteralmente esplosiva, costringendoci a firmare diverse denunce contro gli enti inadempienti. Gli interessi in gioco sono tanti ma ce n’è solo uno che conta: quello di un territorio splendido da cui qualunque intento speculativo va tenuto lontano.»

P.C.

Didascalia:
Diana Lanciotti con Benny, adottato al Rifugio I Fratelli Minori di Olbia,. Nelle altre foto: uno dei tramonti per cui Costa Paradiso è famosa; “Lu Diaulu”, con sullo sfondo la Cupola di Michelangelo Antonioni; una roccia dalle sembianze umane; Casa Hartley, ora La Cuata, progettata a fine anni ’60 dall’architetto Ponis e ristrutturata dall’architetto Gianni Errico mantenendo la tipica forma a ventaglio. Un mirabile esempio di riqualificazione nel rispetto del territorio. Nel riquadro, il ventunesimo libro di Diana Lanciotti, con una speciale sezione dedicata alla Sardegna (www.dianalanciotti.it).

Riquadro:
UN LIBRO FUORI DAL CORO PER CAPIRE L’OGGI PARTENDO DA IERI
“Ci stiamo ammalando di rassegnazione, ed è il male peggiore, che dobbiamo combattere per uscire più forti di prima… a salvarci in questa fase e anche in futuro sarà la capacità di pensare con la nostra testa, di non accettare a priori il Pensiero Unico Dominante”. Così scrive Diana Lanciotti nella prefazione di Antivirus. Emergere dall’emergenza (Paco Editore), in cui ha raccolto una serie di riflessioni, a partire dall’emergenza covid, all’immigrazione, alla politica, alla società, mantenendo quell’indipendenza di pensiero che i suoi lettori apprezzano. Al suo fianco potremo ripercorrere gli ultimi 15 anni della storia dell’Italia e degli Italiani. Per accorgerci che tutto era già scritto (o prevedibile) e capire perché siamo arrivati a questo punto e cosa possiamo fare per incidere sul destino nostro e della nostra nazione. «Proprio in questo periodo», commenta Diana, «stanno tornando alla ribalta tematiche che avevo affrontato a partire dal 2005. Articoli di 10 o anche 15 anni fa sembrano scritti oggi, e ciò dimostra che molti degli eventi che ci stanno coinvolgendo rientrano in un disegno che ci vede pedine più che protagonisti… Prenderne atto è il solo modo che abbiamo per riprenderci in mano il nostro destino e non lasciarlo nelle mani di chi pensa di poter comandare i popoli con l’inganno, il sopruso, secondo le leggi della Grande Finanza e non dello Stato sovrano.»
Il ricavato di Antivirus. Emergere dall’emergenza è devoluto al Fondo Amici di Paco per sostenerne la 18a Campagna Antiparassiti a favore dei cani e dei gatti senza famiglia. Per informazioni, ordini e per sostenere le iniziative del Fondo Amici di Paco: www.amicidipaco.it, paco@amicidipaco.it, tel. 030 9900732. Per devolvere il 5×1000 al Fondo Amici di Paco e aiutare tanti animali in difficoltà il codice fiscale da indicare è: 01941540989.

 

7 commenti per “Costa Paradiso (ma non solo) su La Verità di oggi

  1. Stiamo per acquistare in costa paradiso. Siamo novellini, ultimi arrivati ma ci siamo innamorati del posto.
    Questa vicenda, di cui ho letto molto – su vari siti web, ci confonde e rattrista. Non riesco a capire bene cosa sta succedendo ma spero che tutto si risolva presto. buona serata

  2. Non posso che condividere tutto quello che ho letto. Ho costruito la casa in Costa Paradiso nel 197x e sebbene la mia casa (ora purtroppo in vendita, ne sono costretta dall’età) non sia stata progettata dall’architetto Ponis, è una di quelle vecchie case costruite con il rispetto dell’ambiente circostante. Trovo che Diana Lanciotti dimostri di essere una VERA innamorata di Costa Paradiso e anche se l’ho conosciuta solo nell’ultimo anno che ho trascorso le mie ultime vacanze in Costa (2016) ho di Lei molta simpatia e le riconosco il merito di mantenere vivo questo meraviglioso e unico angolo di “Paradiso Sardo”.
    Grazie Diana, continua la tua battaglia e anche se ci saranno “sconfitte” non arrenderti.

    Elisabetta

  3. Complimenti per il lavoro di informazione svolto con professionalità!
    Con la speranza di trovare le giuste soluzioni al problema, auguro a tutte le persone di buona volontà di proseguire fino al raggiungimento dei risultati finali.
    Buon proseguimento
    Giorgio

  4. Grazie Diana per il tuo impegno sono un tuo vicino di casa da soli 13 anni ma non ho avuto finora il modo di incontrarti, sono però convinto che l’impegno di tutti possa prima o poi scardinare questo atteggiamento che a dir poco ostruzionistico continua a creare confusione e danno.

  5. Un bel messaggio, piano piano qualcosa si muove. Speriamo che queste casse di risonanza facciano breccia in sedi ben precise che hanno da sempre fatto orecchie da mercante e incassato soldi senza dare niente in cambio.
    Grazie infinite di tutto il suo impegno e del suo prezioso tempo dedicato al bene altrui.
    Buona serata e buon lavoro

    D. L.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *