News

17 FEBBRAIO FESTA DEL GATTO: UNA “GATTA VENUTA DAL BOSCO” PER FESTEGGIARE E AIUTARE (CANI E GATTI)

Il 17 febbraio si celebra la giornata mondiale del gatto, la creatura fra tutte più capace di scatenare sentimenti contraddittori: amore sviscerato o al contrario acuta avversione, se non odio vero e proprio. Forse alla base di questa dicotomia sta quell’alone di magia e mistero, che difficilmente i cani (più paciocconi e trasparenti) possiedono ma che circonda in genere i gatti. Non a tutti può piacere un animale che, seppur domestico, se ne sta sulle sue, a volte ostenta un atteggiamento di regale superiorità e assoluto distacco dalle cose terrene (purché nei paraggi non ci sia qualche topolino o una ciotola piena di croccantini su cui avventarsi…)


Ad alcuni, invece, è proprio quell’essere affettuoso ma non servile, dolce con un pizzico di amaro, tenero con un retrogusto di selvatico a piacere da impazzire.
Ed è proprio quel mix superlativo di magia, dolcezza, mistero che ritroviamo, rimanendone incantati, nella gatta protagonista del libro di Diana Lanciotti: La gatta che venne dal bosco (Paco Editore).
Una storia appassionante, piena di ironia, emozione, magia, amatissima dai gattofili ma non solo.
L’autrice, scrittrice e giornalista conosciuta soprattutto per i suoi libri sugli animali e per essere la fondatrice del Fondo Amici di Paco (associazione alla quale viene devoluto il ricavato dei libri di Paco Editore), ci regala un’appassionante storia piena di ironia e spunti di riflessione dove, accanto a una nuova “star” dallo sguardo magnetico (“la Monica Bellucci dei gatti”), ritroviamo Paco e alcuni dei personaggi più amati dei suoi bestseller.

LA TRAMA
In breve, la trama: nella famiglia di Diana e Gianni vivono tre opulenti persianoni, Mimì, Maciste e Qubì, che dividono il loro prezioso tempo tra ciotole, divani e coccole. E poi Paco, l’amatissimo trovatello divenuto testimonial del Fondo Amici di Paco, e in arrivo c’è Joy, che occuperà il posto lasciato vacante da Boris, l’angelo custode di Diana che molti hanno conosciuto nel libro Boris, professione angelo custode.
Non c’è posto per nessun altro, nessuno sente il bisogno di un altro componente a quattro zampe.
E allora come mai un bel dì dal bosco spunta una gattina dagli occhi verdi come due smeraldi, che pare determinatissima a trasferirsi in casa di Diana e Gianni? E come mai la stessa gattina, così com’è arrivata, scompare e poi riappare esattamente un mese dopo? E come mai la stessa gattina appare e scompare, con misteriosa, puntuale e indecifrabile periodicità, ogni trenta giorni?

C’è di che appassionarsi a questa strana faccenda, soprattutto se la si pensa come Diana: “che ogni animale, così come ogni persona, entra nella nostra vita seguendo un preciso disegno del destino”.
Ma qual è il disegno che ha portato la gatta dagli occhi di smeraldo a entrare, uscire e di nuovo entrare nella vita di Diana?
Narrata con stile brioso e quell’ironia mista a commozione e stupore che connotano tutti i libri di Diana Lanciotti, la storia della “gatta venuta dal bosco” appassiona come un film giallo, diverte come una giornata a Disneyland, commuove come una dichiarazione d’amore, fa riflettere come un saggio filosofico, ma sempre con leggerezza e allegria.
Ancora una volta, grazie alla sua penna “magica” capace di fare di ogni storia un piccolo capolavoro, Diana Lanciotti ci offre uno spaccato della sua vita con gli animali, nel quale ritroveremo anche i protagonisti dei suoi libri di maggior successo: Paco, Boris e i tre persiani.
Un libro capace come pochi di far ridere, sorridere, emozionare, riflettere. Dimostrando, ancora una volta, che “se un gatto decide di fare qualcosa lo farà, che noi lo vogliamo o no”.
Con La gatta che venne dal bosco Diana Lanciotti si rivolge a tutti gli amanti dei gatti e a tutti gli appassionati delle sue memorabili storie di animali, come Paco, il Re della strada e Boris, professione angelo custode.

LA BENEFICENZA
La magia di questo libro sta anche nel fatto che, comprandolo, si dà una mano a tanti animali bisognosi. Il ricavato è infatti devoluto al Fondo Amici di Paco, associazione nazionale per la tutela degli animali – ONLUS. Compresi i diritti d’autore, ai quali Diana rinuncia sempre per poter dare un aiuto più consistente agli animali in difficoltà.
Comprando e regalando La gatta che venne dal bosco si rende omaggio a un animale che condivide la nostra vita da secoli, mantenendo la sua profonda e spiccata personalità. Tanto da farcene innamorare perdutamente.
Evviva i gatti! Soprattutto quando, come in questo caso, aiutano i gatti (e anche i cani…) in difficoltà.

 

L’AUTRICE
Diana Lanciotti
, pubblicitaria, giornalista, e fondatrice del Fondo Amici di Paco, è nota per i suoi libri sugli animali. Per chi ama i gatti: C’è sempre un gatto – Dodici (g)atti unici con finale a sorpresa e La gatta che venne dal bosco, storia piena di ironia, emozione e magia. Gli amanti dei cani la conoscono per la quadrilogia di Paco: Paco, il Re della strada, Paco. Diario di un cane felice, In viaggio con Paco e Paco, il simpatico ragazzo, bestseller che hanno per protagonista Paco, il famoso trovatello diventato testimonial del Fondo Amici di Paco.
Grazie ai libri fotografici I miei musi ispiratori e Occhi sbarrati, si è fatta apprezzare anche come fotografa. In Mamma storna ha narrato la storia vera di un piccolo storno caduto dal nido. Boris, professione angelo custode è stato definito “la più toccante testimonianza d’amore per i cani”. Assecondando la sua passione per la vela e il mare, ha scritto i romanzi Black Swan-Cuori nella tempesta, White Shark-Il senso del mare, Red Devil-Rotte di collisione, storie d’amore e di mare con le quali ha inaugurato il filone del “romanticismo d’azione”, e Silver Moon-Lo stregone del mare, dove ha unito i temi a lei cari: amore, mare, animali.
Con La vendetta dei broccoli, “giallo vegetariano” accolto con grande successo, ha aperto un importante dibattito sulle scelte alimentari.
L’esperta dei cani è il suo primo libro dedicato all’educazione cinofila, argomento al quale si dedica nella rubrica “Parliamone insieme” che cura dal 2008 sulla rivista “Amici di Paco”.
Titolare dell’agenzia Errico & Lanciotti, che firma gratuitamente la comunicazione del Fondo Amici di Paco, è direttore responsabile della rivista Amici di Paco e direttore editoriale di Paco Editore. Vive in Sardegna e sul lago di Garda con il marito, tre gatti e due cani.
Il suo sito è www.dianalanciotti.it.

INTERVISTE A DIANA SUL LIBRO:
https://www.dianalanciotti.it/novembre-2013-la-gatta-che-venne-dal-bosco/

https://www.dianalanciotti.it/la-gatta-che-venne-dal-bosco-intervista-a-radiolaghi-gennaio-2014/

La gatta che venne dal bosco
Diana Lanciotti
Paco Editore
192 pagine – Prezzo 16 euro
Il libro di Diana Lanciotti e gli altri libri di Paco Editore possono essere acquistati sul sito  www.amicidipaco.it o contattando direttamente Paco Editore: tel. 030 9900732, fax 030 5109170, paco@amicidipaco.it.
Si possono acquistare anche nelle migliori librerie (in questo caso il ricavato per la beneficenza è però inferiore).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.