Schnauzerina col megaesofago

Buonasera,
Cercando info su internet ho trovato il suo sito dove si parla megaesofago.Vorrei avere dei consiglio sull’alimentazione ..però evitare di tenerla in piedi dopo aver mangiato. Alla mia schnauzerina è stata diagnosticata una polineuropatía che comprende anche il megaesofago. Diciamo che non rigurgita dopo aver mangiato ma a volte se si eccita o ha paura anche dopo tante ore rigurgita parte delle crocchette che evidentemente non sono arrivate fino allo stomaco. Vorrei infatti cambiarle del tutto alimentazione in modo che digerisca prima i pasti e il cibo possa andare  facilmente nello stomaco.
Grazie
Ilaria

Gentilissima Ilaria, innanzitutto mi compiaccio del suo tono sereno. Di solito la diagnosi di questa patologia viene accolta con terrore (è capitato anche a me, tanti anni fa col mio Joy), perché qualcuno tende a fare dell’allarmismo eccessivo. Per fortuna il nostro veterinario è stato di grande aiuto per risolvere il problema e dargli la giusta dimensione.
Senza volermi sostituire al veterinario, posso darle consigli sulla base della mia esperienza e di quella di decine di persone che mi hanno contattata in questi anni. Vivere giorno per giorno accanto a un cane affetto da megaesfago è un’esperienza che va messa a disposizione degli altri proprietari di cani con lo stesso problema.
Per quanto riguarda la somministrazione dei pasti, non è necessaria la stazione eretta, come qualcuno dice. Basta collocare in alto la ciotola, all’altezza del petto del cane, in modo che non debba chinarsi. Nei negozi specializzati trova ad esempio quella della Bama, utile proprio per queste patologie.
Per quanto riguarda il tipo di alimentazione, la invito invece a leggere le risposte che ho già dato, al link che le indico più sotto.
Le faccio tanti auguri e le sarò grata se volesse tenermi informata, per poter dare informazioni, aiuto e speranza a chi deve affrontare questo problema, affinché non si riveli un calvario.
Un caro saluto e una coccola alla piccola

Diana

P.S. Qui troverà diverse risposte alle lettere di altri proprietari di cani con megaesofago: https://www.dianalanciotti.it/2014/04/megaesofago-canino-curarlo-si-puo/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *