Avvelenata Pimpi, la cagnolina di Susanna Tamaro

Leggo con sgomento la notizia che Pimpi, la cagnolina che Susanna Tamaro aveva adottato 6 mesi fa e con la quale aveva creato un rapporto simbiotico, è morta a causa di un boccone avvelenato.
Conosco il dolore, avendolo vissuto con il mio Joy, morto in Sardegna per un boccone probabilmente destinato ai cinghiali.
Nessun essere vivente merita una fine tanto orribile.
Inutile augurare del male a chi si macchia di questi delitti: il peggior destino per questi assassini è andare in Paradiso… dove ad accoglierli troveranno le anime di tutti gli animali uccisi. Questa sarà la loro condanna per l’eternità.
A nome mio e del Fondo Amici di Paco, voglio esprimere  a Susanna Tamaro tutta la tristezza ma anche la solidarietà che proviamo nei nostri cuori.
Un abbraccio, nella certezza che Pimpi da Lassù continuerà a vegliare su di lei.

Diana

 

 

5 commenti per “Avvelenata Pimpi, la cagnolina di Susanna Tamaro

  1. ..purtroppo solo in questi casi ci rendiamo conto di cosa la razza cd “umana” è capace di fare!
    Da credente spero esista una giustizia divina che colpisca questi miserabili, visto che quella degli uomini considera a mala pena tali fattispecie criminose. Non esistono parole se non rabbia…

  2. Non riesco a concepire come si possa fare del male agli animali creature che Dio ci ha posto accanto per accompagnarci durante il nostro soggiorno terreno. Creature capaci di amare fino alla morte. Le creature umane invece sanno essere delle vere “BESTIE” e dimenticano facilmente di fare parte della creazione di Dio come tutte le altre cose. Un giorno verrà loro chiesto conto di queste cattiverie verso gli animali e verso gli umani.

  3. Che persona dura e sola deve essere qualcuno che fa queste cose, che porta rancore verso un animale che forse ha dato un pò di fastidio (abbaiare, sporco).
    Loro non hanno mai visto l’amore incondizionato di un animale, ma forse neanche di un umano. Mi fanno pena.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *