Coralie, cucciola di Bassethound col megaesofago

Cara sig.ra Diana, ho avuto ad agosto una cucciolata con 2 bassethound. A due mesi compiuti una delle due ha manifestato strane dermatiti su orecchie e coda diagnosticate come vasculiti da farmaco. Senza ulteriori indagini con prelievi di pelle mi è stata data solo una cura a base di vitamine data l’età. Ma poco dopo dono iniziati dei piccoli rigurgiti ( il cane aveva 3 mesi) sempre più frequenti, che dopo un primo pensiero di gastrite o esofagite mi hanno convinta a fare le lastre. Purtroppo si è individuato un megaesofago severo con una diverticolite in basso che è forse la causa di ristagno del cibo. Infatti anche se lentamente il cibo nello stomaco ci va perché io sento la pancia gonfiarsi, ,ma quasi ad ogni pasto ha dei piccoli rigurgiti anche dopo ore. Io la faccio mangiare in piedi e la tengo su per circa mezz’ora e le sto dando 5 pasti al giorno crocchette bagnate d schiacciate, ma ho fatto vari tentativi cibo piu asciutto o frullato, ma cambia poco, lei le preferisce morbide.
Ora sono state escluse l’ipotorioidismo e il cortisolo basso, rimane da verificare una dermomiosite o la miastenya gravis dato che in effetti Coralie è sempre più stanca nei movimenti e come rattrappita. Martedì farò le biopsie x verificare la vasculite, altrimenti resterà la diagnosi di megaesofago idiopatico congenito, che stranamente si sarebbe evidenziato a 3 mesi.
Ho letto i suoi articoli alla ricerca di un conforto sulla gestione del megaesofago che comunque resterà al di là del che lo ha generato, questo è il parere di tutti i veterinari che l’hanno visitata.
Ho letto in qualche testimonianza che data l’età c’e la speranza di un miglioramento , anche se Coralie sembra un concentrato di malattie rare e gravi.
Secondo lei il dottore Dalzovo potrà aiutarmi? Il suo Joy aveva un maxiesofago severo o no? Il suo è largo quanto la colonna vertebrale dalle lastre.
La ringrazio tanto fin da adesso anche per le testimonianze che ho letto.

Simonetta

Gentilissima Simonetta, in passato ho pubblicato i miei consigli circa il tipo di alimentazione da somministare, che troverà nel link più sotto.
Io non uso cibi confezionati, ma preparo un pappone. All’inzio per Joy frullavo tutto, ma dopo la dentizione completa ho potuto smettere. Inoltre “farlo mangiare in piedi” significa semplicemente mettergli la ciotola all’altezza de petto, in modo che non debba chinarsi per mangiare.
La cosa fondamentale, però, è la cura, che il dottor Dalzovo ha sonministrato sia a Joy che a tanti altri cani. Joy ha avuto una vita felice e normalissima.
Purtroppo il dottor Dalzovo è scomparso tre anni fa, ma il suo assistente  ha seguito insieme a lui decine e decine di casi di cani affetti da megaesofago, che si sono salvati nonostante previsioni nefaste. Gli giro la sua mail, in modo che possiate mettervi in contatto.
La prego di tenermi informata: è importante condividere la propria esperienza con chi sta vivendo gli stessi problemi.
Le faccio tantissimi auguri, con una coccola a Coralie

Diana Lanciotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *