Ricordando Paco (segue)

Continua la pubblicazione dei messaggi giunti in ricordo di Paco.

Le parole non sono nulla, non possono esprimere i sentimenti che solo un cane, un grande Cane come Paco ha saputo svegliare in ogni persona che ascolta il proprio cuore.
Addio Paco, la luce dei tuoi occhi rimarrà sempre nel cuore di tutti i tuoi amici con la coda e non. Sarai sempre presente ad aiutare tutti noi per amare ogni giorno di più i nostri fretelli con coda (cani) e fratellini con baffi (gatti).
Ciao ciao
Letizia

Carissima Diana,
trovando ieri nella buchetta della posta “Amici di Paco” mi sono dapprima meravigliata perché da un anno non avevo rinnovato l’abbonamento… poi ho aperto la busta e… può bastare dirti che ho pianto?
Il 2006 ha visto eventi drammatici nella mia già faticosa vita e solo per questo avevo perso i contatti con Paco, pur avendolo sempre nel cuore come tutti i “veri amici”, ma si sa che a volte il quotidiano ci porta lontano dalle persone che amiamo. Avevo seguito le vicende di Boris con dolore e poi, ripeto, piegata da situazioni molto pesanti, compreso il declino inarrestabile di mia madre che è sempre stata colonna portante del mio percorso terreno, avevo perso di vista Paco… la notizia di ieri mi ha devastata ma ha avuto un lato positivo (se così si può definire)… ho ripreso i contatti con i valori in cui credo e ho sempre creduto e innanzitutto rinnovo subito l’abbonamento. Anche se è una fatica arrivare a fine mese posso rinunciare ad una pizza e fare qualcosa di utile per quei “fratelli minori” più sfortunati di Paco, di Kira (la mia cagnona) e dei miei 6 mici (di cui due ciechi) che ricevono non solo pappa ma anche e fondamentalmente amore ogni istante della loro vita.
Mi unisco a chi ringrazia te e soprattutto Paco per ciò che avete saputo fare e che continuerete a fare (tu qui e lui da quel paradiso in cui – ne sono certa anch’io – ci ritroveremo un giorno).
Un abbraccio a te e una carezza del cuore a Paco, Boris e tutti gli altri nostri “figli” che ci hanno momentaneamente lasciati. Kira, che ha capito tutto, ti manda un ventaglio di scodinzolii.
Katia

Dear Mrs. Lanciotti, Certainly I was impressed and deeply touched by all the nice words about Paco and your relationship with this extraordinary dog. You and your friend Paco had for all of us a very special mission and I am sure that you have achieved together wonderful results for the relationship between humans and animals.
I was very pleased to read the articles in the last two issues 36 and 37 and very happy to see that there will be new extraordinary stories about your destiny with your new two dogs. One can have even the imagination that through the eyes of Tommi you can see the soul of Poco.
Thank you for all your efforts in behalf of our “amici a Quattro zampe”. I wish you all the lack and assistance from many people and institutions to support your great efforts and dedication. Give a big hug to your new friends Joy and Tommi.
With much respect and very best greetings
Anastasia W.

Caro Paco,
mi chiamo Winch (il mio umano, ottimo velista, vorrebbe far di me un buon marinaio), ho appreso ora la notizia della tua scomparsa e il mio fratello umano non fa che piangere; anch’io sono un baffetto come te (dalla foto che ti allego, te ne renderai conto) e in questo momento non riesco ad essere felice e la mia coda è…….. un po’ moscia, però so che non ti ho perso per sempre perchè prima o poi ci ritroveremo tutti sul ponte dell’Arcobaleno (cerco di spiegarlo al mio fratellino umano ma lui, come tutti gli uomini, è un po’ tonto).
Ciao fratellino, ci rivedremo ancora per rincorrerci tutti insieme e andare ancora a vela per il grande mare
Winch

Caro Paco,
ti abbiamo conosciuto nel 1999, dopo aver “raccattato” per strada SPINO, un randagino abbandonato.
Nel 1999 il nostro SPINO ci lasciò prematuramente (forse avvelenato) e con noi, dal canile, venne la piccola Nella (già anziana di otto anni e mezzo, della quale hai pubblicato nella tua rivista la sua storia). Oggi, come sempre, abbiamo ricevuto la tua rivista, ma invece che vivere la solita gioia ricevendola, abbiamo avuto un grandissimo dispiacere, perché abbiamo visto che sei andato sul Ponte dell’Arcobaleno, insieme a Boris, Spino, Chicco e tanti altri nostri cari AMICI.
Per noi sei e resterai sempre una bandiera contro l’abbandono dei nostri più grandi Amici.
In questo triste momento siamo tanto vicini al tuo Babbo e alla tua Mamma, ma mi raccomando, dal Ponte dell’Arcobaleno, stai sempre accanto alla Mamma che possa proseguire tutto quello che insieme siete riusciti a creare.
Vi vogliamo bene.
Massimo, Rossella e Nella

Cara Diana,
volevo dirti che mi dispiace tantissimo per la morte del tuo dolcissimo cagnone, e ti sono vicina! Era un simbolo per tutti, motivo di orgoglio ed esempio di solidarieta’ amore altruismo. E poi, come tutti i cani, era sicuramente un compagno fedele e insostituibile per i suoi amici umani. Queste cose che ti scrivo e che penso, te le avrei dette comunque , anche se non mi fosse successa la stessa disgrazia, proprio lo stesso giorno, la mattina del 26/12. Infatti, alle 6.15 di quella triste mattina, dopo una notte purtroppo di agonia (non riusciva a respirare e tutti i farmaci, fra cui il cortisone, non sono bastati), e’ morto fra le mie braccia (ovviamente gli ho fatto la notte!) il mio adorato Oliver, un husky rosso di 13 anni e 11 mesi (avrebbe compiuto i 14 a gennaio). Ho provato e provo tuttora (anche se ne ho preso un altro, Gold, cucciolo golden) un dolore immenso, indescrivibile, infinito. Quindi capisco cosa provi! La mia consolazione e’ che e’ sempre vissuto bene, con tanto affetto e in piena salute fino all’ultimo mese, percio’ per quasi tutta la sua vita! Ha avuto un crollo solo alla fine, le ultime 4 settimane, per l’artrosi ha cominciato a non riuscire piu’ ad alzarsi, non mangiava piu’….lo dovevo spostare io, lui non si reggeva piu’ in piedi… e’ morto nella notte fra il 25 e il 26. Mi manca tanto! Ho pianto per giorni e perso dei chili per lo stress. Era a tutti gli effetti un componente della famiglia! Attaccatissimo solo me, la sua vera e unica padrona, anzi, mamma. .e’ davvero brutto che ci lascino cosi’ presto (e’ sempre troppo presto, vivono troppo poco!). Come ti ho detto ne abbiamo un altro (me l’hanno portato e ora c’e’ lui, ma il prossimo giuro che lo adotto da qualche canile, magari uno adulto). Gold e’ buono, anche se troppo vivace (e’ cucciolo, ma irruente e invadente anche in quanto tale), pero’ Oliver mi manca e mi manchera’ sempre. E’ nel mio cuore!!! Tutto mi ricorda lui, che stava buono sotto il tavolo della cucina, che mi cercava sempre, che veniva con me dappertutto…io l’ho protetto e amato per tutta la vita, e il nostro legame e’ inscindibile. Un nuovo cane non sostituisce il precedente!, come e’ giusto che sia. E’ diverso dall’altro , qualsiasi cane e’ imparagonabile! Pero’ BISOGNA PRE NDERNE UN ALTRO, perche’ ti aiuta, se ne fa felice un altro, si comincia una nuova storia, un nuovo legame….tanto nessuno ci restituira’ i nostri cagnoni, si starebbe ancora peggio. Domani vado a rinnovare l’adesione al fondo (a gennaio nel casino mi sono dimenticata), e aspettero’ il vostro giornale che leggo sempre volentieri. Stasera ho pianto a dirotto per Paco, e tante delle cose scritte le condivido e le ho provate personalmente (anch’io ora sono convinta che sia felice, perche’, anche se per poco, essere bloccato a terra e completamente dipendente era atroce per lui, che tirava come un matto! E’ egoistico rivolerlo cosi’, anche se potrei riabbracciarlo… Anch’io penso mi “abbia asprttato” per lasciarci, e che mi sia comunque accanto). La sua amicizia e’ stato un regalo merviglioso, con la sua presenza silenziosa (tranne quando ululava) e calma, mi ha dato tantissimo.Ora e’ dura andare avanti, ma ci sto provando. Gold deve imparare tutto e ha bisogno di pazienza e dedizione…so che non lo sto tradendo avendo un nuovo cane, penso semprte a lui…ma cosa posso fare d’altro? Sono sicura che ha capito e sentito, come solo i cani sanno fare, tutto il mio affetto, quanto era importante per me, quanto ci tenevo. Cerco di allontanare i sensi di colpa: potevo fare di piu’, dovevo fare cosi’…era destino che finisse in questo modo. Per’ un giorno ci rivedremo!, e nel complesso e’ andata bene cosi’: e’ stato un cane fortunato!!!! Purtroppo non lo sono tutti, e io continuero’ ad aiutarli, come del resto ci ha insegnato Paco, e con la tua opera meravigliosa che porti avanti con il tuo fondo. Anche tu e tuo marito ne avete adottato un altro, vero? So che si chiama Tommy, spero poi di saperne di piu’ e di vedere le sue foto. Bravi, e coraggio per Paco: gli avete dato una famiglia, una vita felice, aiutate gli altri, siete fantastici. Paco e Boris, cani fortunati, sono orgogliosi di voi! Continuate cosi! Un affettuoso abbraccio da chi vi sta vicino perche’ vi capisce benissimo essendo nella stessa situazione, e complimenti per il vostro lavoro. A presto!
Marcella Alessandra

Carissimi, con immenso dolore ho appreso la notizia della scomparsa di Paco… mi è arrivato oggi il giornale ed è stata come una doccia gelata. Anch’io me l’aspettavo prima o poi, ma queste cose si spera sempre che accadano il più lontano possibile…. vi sono vicina con tutto il mio cuore. Povero Paco, non lo conoscevo direttamente, ma gli volevo un gran bene. La cosa che mi consola è che ha vissuto bene…. sono tornata con il cuore e con la mente ai giorni terribili in cui ho perso i miei adorati cani: Tobina,una meticcia stupenda volata in cielo all’età di 16 anni, York un altro meticcio (che somigliava moltissimo a Paco) anche lui spentosi di vecchiaia a 15 anni e Birillo, un maestoso e tenero Boxer che ci ha lasciati l’anno scorso a causa di un tumore all’età di “solo” 5 anni…….sono stata immensamente male, lasciano un vuoto tremendo dentro l’anima…… Gli amici,alcuni parenti mi hanno consigliato di non prenderne più, ma non posso pensare una vita senza cani. Ora ho un meraviglioso lupetto tutto nero,preso al canile, si chiama Ercole ed è diventato un nuovo membro della famiglia. E’ bellissimo, giocherellone e tanto tanto tenero. Sopporta con immensa pazienza le incursioni di coccole da parte dei miei bimbi, li cerca, li riempe di baci- E’stupendo vederli giocare assieme!!
Vi rinnovo la mia partecipazione al vostro dolore…..ora Paco è in Paradiso che corre e gioca con Tobina, York , Birillo e Pongo (il mio gatto che è mancato l’anno scorso all’età di 18 anni).
Con affetto
Rossella
PS Oltre a Ercole ho uno stupendo micio di 8 anni di nome Pippo,2 coniglietti,un porcellino d’india e….una piccola colonia di gatti randagi che arrivano tutti puntuali quando è l’ora della pappa.!

Cara Diana, mi chiamo Eliana e ho scoperto “l’esistenza” di Paco qualche anno fa quando, in Sardegna in vacanza, ho letto casualmente su una rivista la recensione del libro “Paco il re della strada”. Da quel giorno ho sempre comperato tutti i vostri libri è ho sempre letto il vostro sito internet.
Sono rimasta molto male per la morte di Paco e la coincidenza ha voluto che l’ 8 marzo è morta anche la mia adorata Baffi, una cagnolina di circa 15 anni,
che avevo trovato il primo dicembre 1993. Per cui posso immaginare la disperazione per la perdita di Paco. Io due settimane fa quando Baffi è morta (di insufficienza renale) pensavo che i primi giorni sarebbero stati i più
tremendi, invece mi sbagliavo. Ogni giorno che passa il vuoto che ho dentro di me è sempre più grande.
Chissà magari Paco, Baffi e Boris hanno fatto amicizia e in questo momento stanno giocando insieme.
Allego una foto di Baffi, avrei voluto che tu la conoscessi.
Grazie per tutto quello che fate. Un saluto.
Eliana

Cara Diana,
sono da poco amica di Paco. Ho ricevuta questa mattina la rivista e sono ancora in lacrime mentre scrivo.
Ho versato talmente tante lacrime per queste grandi creature che potrei navigare su un laghetto.
Paco somiglia tanto a un grande amico che non c’è più da anni e che sto piangendo ancora. Si chiamava, anzi si chiama Pippo, sono certa che è lassù dove ancora lo chiamano Pippo e sono certa che un giorno li ritroveremo tutti i nostri grandi amici in un meraviglioso mondo dove tutto è buono e gioioso, quindi non addio, Paco ma arrivederci. Io continuerò a essere onorata di amarli e onorata dall’essere amata da loro.
Grazie meravigliosa Diana e un grande augurio.
p.s. ho comprato occhi sbarrati, comprerò anche White Shark e farò quel che potrò per gli amici del grande Paco.
Ciao
Maria Grazia

Ciao ho letto solo ora dell’avvenuta mancanza di Paco dal gironalino che ho ricevuto. Ero seduta ad un bar e mentre lo stavo leggendo avevo le lacrime che mi scendevano ,non ho avuto la fortuna di conoscerlo ma il dispacere che ho provato è stato grande. Per me non c’e’ differenza quando ti viene a mancare una persona da un animale, quando sei legato e vivi degli anni insieme non si puo’ dire ” è solo un animale”. Io non ho mai avuto un cane mio ma li adoro; gli manca solo la parola e ti posso dire che sanno darti tanto affetto e sono incapaci di fare del male e sono sicuramente meglio di tante persone.
Ti sono vicina.
Ciao
Sandra C.

Cari Diana e Gianni
ieri ho ricevuto il n. 36 della rivista e, non avendo consultato da molto tempo il sito, sono rimasta malissimo nell’aver appreso la notizia della dipartita di PACO.
In casa, alla presenza di mia madre, ho letto il primo articolo ad alta voce, che non restava ferma, ma incerta, sino ad irrompere in un pianto.
Sono socia da quando, quasi tre anni fa’, ho addormantato il mio piccolo Eddy. Per me Paco e’ stato di aiuto, perche’ leggendo i libri nei quali era protagonista riuscivo ad alleviare il dolore della perdita. Avevo sempre la sensazione di avere Paco ed Eddy accanto a me. Molti amici mi dicevano che forse facevo male a leggere lilbri con cani come protagonisti ma solo in questo modo sono riuscita ad accettare, anche se’ mai sino in fondo, il vuoto.
Purtoppo ho un marito che mi chiede di attendere ancora prima di riprendere un canino e per amor suo aspetto, ma gioisco per la presenza di una gattina da mia madre divenuta la luce dei miei occhi. Paco sara’ sempre fra noi a darci la forza per aiutare i meno fortunati e lo ringrazio per essere stato un balsamo per il mio cuore.
Monica

Cara Diana,
ho appreso solo oggi la notizia di Paco.
Ho pianto per mezz’ora e non ho avuto il coraggio di proseguire la lettura della rivista…. Ho pianto come se Paco fosse stato anche il mio cagnolino….
Non è possibile prepararsi a questi addii è inutile.
Ogni tanto penso a quando non ci sara’ piu’ il mio Ariosto che ha gia’ 12 anni…e sarà una perdita enorme, come quando si perde un amico, un grande amore…
Posso solo dirti che Vi sono vicina, che come dici tu, Paco non ha dovuto agonizzare e perdere l’uso degli arti. E’ stato piu’ dignitoso per lui.
La cagnolina di mia mamma ha vissuto fino a 18 anni, ma non camminava piu’;era diventata un mucchietto di ossicini spelacchiati, ma non voleva lasciarci,,,forse perché era una femmina e come tale era piu determinata…chissa’, o forse invece è stato un gesto egoista da parte nostra…
Sicuramente Paco e’ stato un cane felice e che come lui non ci sara’ mai piu’ nessuno.
Ma ti ricordi di quella bella poesia francese che avevi pubblicato anni fa sulla rivista che diceva che la vita dei cani e’ cosi’ breve per darci la possibilita’ di accogliere nella nostra casa e nel nostro cuore (e salvare) un altro piccolo amico peloso? E voi, lo avete gia’ fatto…..
Un caro saluto.
Laura

Carissimi, vi sono vicino con cuore, anche perchè ho anch’io un piccolo amico bianco di 14 anni, che ha qualche problemino di cuore.
Fa bene sapere che c’è qualcuno che non ti dice con un sorrisetto ironico:” ma dai……è solo un cane”:
Un abbraccio a voi e ai tutti i piccoli amici.
Anny

Carissima Diana, innanzi tutto voglio esprimerti tutto il mio dolore per la scomparsa di Paco…ma, sono sicura, lui starà benissimo nella splendida terra sarda…Paco era davvero UNICO…come credo lo siano tutti i nostri amici a quattrozampe…
COMPLIMENTI PER I TUOI LIBRI!!! Li sto leggendo uno ad uno…per gli amanti degli animali sono davvero irrinunciabili!!!
Il 26 gennaio scorso (ad un mese dalla scomparsa di Paco) mi sono iscritta all’associazione.
Ti mando un grosso bacio e…Continua così!!!
Francesca

Buongiorno, sono il webmaster del sito www.storiainter.com e vorrei informarvi che mi sono permesso di inserire il vostro banner nella pagina dei link del mio sito. E’ sicuramente inutile che vi dica che io sono un amante degli animali e principalmente dei cani che ho sempre avuto da quando ero bambino; ho saputo della morte del vostro amato “Paco” e intendo testimoniarvi il mio personale dispiacere, so cosa si sente, il 2 novembre 2005 ho perso il mio Frizzy, un volpino vivacissimo al quale mancava soltanto la parola, ma ripeto molto vivace, impossibile da tenere chiuso per molto tempo in casa e purtroppo, come temevamo io e mia moglie, è finito sotto le ruote di un camion, proprio di fronte a casa, vi voglio evitare di sapere altri particolari ma vi assicuro che tutti noi siamo stati male, ma veramente male e non vi nascondo che ancora oggi vedendo la sua poltrona vuota abbiamo un groppo in gola. Fortunatamente è arrivato Jerry, un incrocio tra un boxer e un pastore tedesco, un gran “cagnone” di circa 50 chili di bontà, che ha affievolito la mancanza di Frizzy. Ritornando al banner fatemi sapere se siete d’accordo con quanto fatto da me.
Cordiali saluti
Tommaso

Cara Diana,
sono già passati alcuni mesi dalla scomparsa di Paco, ma desidero ugualmente comunicarLe che Le sono vicina nel Suo dolore, sia per Boris che per Paco, che noi tutti avevamo imparato ad amare dalle pagine della Sua rivista e dai siti.
Le sono vicina nel Suo dolore ma allo stesso tempo contenta che Lei abbia già adottato altre creature bisognose di affetto.
Ammiro Lei e Suo marito per l’attività che svolgete con tanta dedizione.
In Italia, e soprattutto nel Sud dove vivo, ci sarebbe tanto bisogno di iniziative come la Vostra, ma purtroppo è anche difficile venire a patti con una realtà ed una coscienza animalista che solo negli ultimi anni stanno cominciando, anche se lentamente, a cambiare.
Naturalmente esistono alcune Associazioni che cercano di fare del loro meglio, e poi esistono anche tante persone di buona volontà che si prendono cura dei nostri amici a quattro zampe nutrendoli ed accudendoli.
La mia vita è allietata dalla presenza di due gatti che vivono con me e mio marito in appartamento, ma quotidianamente la mia natura soprattutto di “gattara” mi porta ad occuparmi anche di vari gatti randagi ai quali non mancano un pasto ed un riparo nel cortile di casa mia.
Non è facile trovare parole che riescano a consolare della perdita di un essere che per tanti anni ha riempito la propria vita di affetto incondizionato, restano i ricordi e la speranza di potersi un giorno ritrovare insieme.
Un caro saluto e un augurio ai Suoi nuovi amici a quattro zampe.
Vincenza

Gentilissima signora Lanciotti,
da alcuni anni seguo la sua rivista (Amici di Paco) che trovo molto interessante per gli argomenti trattati e le problematiche dei nostri amici animali. Con ritardo ho saputo che il nostro amico Paco ci ha lasciato, definitivamente. La notizia ha destato in me tanto rammarico e dispiacere. Essendo animalista (curo tre cani sul posto di lavoro e sei gatti nel condominio dove abito) capisco perfettamente il suo stato d’animo e quello di suo marito e quindi, cosa significa perdere dopo quindici anni un grande amico come Paco. Sconforto, tristezza, ti accorgi della mancanza di un amico a quattro zampe che vi ha voluto sempre bene ed amato. Il 21 dicembre 2005, la mia gattina Sheila, dopo tredici anni di convivenza, mi ha lasciato. Quindi condivido con voi quello che state provando. Non nascondo che mi sono emozionato nel leggere il suo articolo che descrive la storia di Paco. L’incontro avvenuto nel canile di Verona, un cane fortunato che ha trovato, attraverso i suoi padroni, voglia di vivere, forza di spirito ed entusiasmo. Grazie a Paco ed alla vostra iniziativa, ovvero quella di aver fondato la vostra associazione che, con il contributo di tutti, ha aiutato i nostri cani e gatti ad avere una vita migliore. La cosa che desidererei di più è che il povero Paco, anche dall’aldilà, continui la sua straordinaria opera di aiutare i suoi simili e sconfiggere il randagismo, un problema sociale che ho molto a cuore. Per cancellare così sofferenze, abbandoni, maltrattamenti ed avere una vita dignitosa e normale. Quindi grazie Paco, di vero cuore, grazie per tutto ciò che hai fatto e continuerai a fare e soprattutto grazie a lei che continuerà in memoria di Paco ad affrontare le sue battaglie. Con molto piacere aspetterò una risposta a questa missiva attraverso la sua rivista o per lettera (o e-mail). Le auguro un ottimo e proficuo lavoro ricordandole che la vita continua. La saluto cordialmente.
Paolo

Cara Diana
la triste notizia che ho letto sulla copertina della Rivista Amici di Paco numero 36 ha oscurato la gioia di ricevere la busta inviata dall’associazione che tanto ammiro.
Desidero manifestare il dolore che ha colpito i nostri cuori, quando abbiamo saputo della partenza di quello che fu la grande ispirazione di questa opera così meravigliosa.
Noi dell’Abrigo Piccolina abbiamo iniziato la nostra opera contro l’abbandono dei nostri amici a quattro zampe con l’ispirazione di Piccolina, una cagnolina veramente speciale adottata dalla mia famiglia.
Siamo sicuri che in Paradiso dove si fanno immortali le anime buone, c’è uno spazio speciale in cui ci sono quelli che hanno lasciato tra noi molto di più che semplice nostalgia: hanno lasciato l’ispirazione per un’opera concreta, in piena esecuzione e in continua e inarrestabile crescita, ed è in questo luogo che si trovano Paco e Piccolina.
Un forte e solidale abbraccio.
Dott.sa Rosana Mercadante
Abrigo Piccolina – Instituto de Ajuda aos Animais (Istituto di Aiuto agli Animali) – Avaré – San Paolo – Brasile
www.abrigopiccolina.org.br

Buongiorno Signora Diana, oggi per caso, “spulciando” nei vari siti dei nostri amici cani, ho visitato il suo sito.
Non le nascondo che ho pianto.
Da tre giorni e’ mancato il cane della mia vicina di casa, aveva 4 anni, e io le volevo bene come fosse stata mia. Io ho due cani e 4 gatti.
Provo un dolore profondo, e mi sono immedesimata in lei.
Ho letto tempo fa da qualche parte la storia di Paco, e adesso scopro che Paco non c’e’ piu’.
Provo stima e ammirazione per le persone come Lei signora Diana, io nel mio piccolo faccio qualcosa per i canili della mia citta’, Genova.
Vorrei collaborare in qualche modo con lei, con i suoi progetti, per cercare di rendere felice la vita di questi esserini meravigliosi che tanto sanno regalarci.
Le rinnovo le condoglianze, perche’ perdere il proprio cane e’ un lutto, e le sono vicina davvero.
L’abbraccio e la saluto cordialmente.
Marika

Cara Diana,
le sono vicina per la scomparsa di un cane straordinario come Paco.
Proprio oggi ho finito di leggere ”Paco, il re della strada” e mi sono commossa per la sua bellissima storia.
Adesso che ho letto che è morto, sono ancora più dispiaciuta..
Deve sapere che amo, anzi vivo per gli animali..sono la mia vita e ritengo che abbandonarli sul ciglio di una strada sia la cosa più brutta che si possa fare.
Sono sempre cresciuta con gli animali, e siin da bambina ho imparato a interpretarli e ad amarli.
Forse è per questo che desidero con tutta me stessa, diventare zoologa o biologa con specializzazione animale.
La storia di Paco mi ha colpito profondamente e mi voglio congratulare con lei per le sue iniziative e per i suoi magnifici libri.
Con affetto
Federica M.

Carissima Diana non ti ho conosciuto e forse non t’incontrerò mai, ma sicuramente ho conosciuto grazie alle tue parole Paco… ciò che è accaduto mi rattrista molto e so come ci si sente a perdere un amico… coraggio, Paco rimarrà sempre in un angolo del cuore di tutti quelli che grazie a te l’hanno conosciuto…con affetto
Cris

Ho appreso con immenso dolore della morte del meraviglioso Paco: ho pianto come se fosse il mio cane, perche’ so che straordinarie creature sono i cani che io amo in modo smisurato!
Spero tanto che continuera’ ancora il vostro meraviglioso lavoro in aiuto di questi “angeli pelosi”, anche se non sara’ piu’ Paco a parlarci.Non lo dimentichero’ mai!
Silvia

Ho appreso della morte di Paco dalle pagine della tua rivista e ne sono rimasto molto addolorato, perchè anch’io ho vissuto la tua stessa triste esperienza circa 4 anni fa: mi è morta per un tumore una meticcia di 12 anni che mi accompagnava sempre nelle mie passeggiate, fu operata due volte nel giro di un mese, ma non ci fu niente da fare, è stata per me una tristissima esperienza. Stava malissimo una sera che la lasciammo, pensavamo di trovarla morta al mattino seguente ed invece aspetto che arrivassimo, io e mia moglie, per regalarci il suo tenero sguardo e darci il suo ultimo saluto. Anche per questo ti capisco ancora di più!
Ti saluto, Diana, non ho assolutamente parole per cercare di colmare il vuoto che ti si è creato nell’animo.
Pierluigi

Ho appreso proprio adesso aprendo il vs sito che Paco non c’è più. Ho qui vicino a me il mio piccolo Paco, che ho chiamato così dopo aver letto tutte le avventure dell’ex re della strada; lui mi guarda e non capisce perche il mio sguardo si è fatto triste. Sto pensando che putrtoppo la vita dei nostri beniamini è troppo breve. L’unica cosa che ci può consolare quando li perdiamo è il ricordo dell’amore che ci siamo scambiati vicendevolmente e che ci terrà sempre uniti per tutta la vita ed oltre. Qualcuno ha detto: “vivere nel cuore di chi resta non è morire”. Tu caro Paco sei nel cuore di così tanta gente
da vivere in eterno! Ciao Paco! Non ti dimenticherò mai.

Laura (Viterbo)
PS.Un abbraccio alla tua mamma e al tuo papà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *