Che bel silenzio…

Domani si vota, ma a causa delle disperate condizioni del Papa la politica si è messa a tacere un giorno prima, e così abbiamo avuto due giorni (due giorni tutti interi!) di tregua dalle chiacchiere della politica e di spazio, invece, per riflettere a fondo sui valori della vita, e anche della morte.

Per ben due giorni ci sono state risparmiate le solite sparate dei soliti mistificatori della politica, quelli che pur di negare merito all’avversario venderebbero anche le loro madri.
Abbiamo avuto il piacere di non sentire la voce del "Professore" dichiarare che, se vinceranno "loro", aboliranno tutte le leggi introdotte dal centrodestra. Complimenti, ma che bel democratico, prof! Le viene mai in mente che le leggi di cui lei straparla sono state introdotte da una maggioranza LEGITTIMAMENTE votata dal popolo italiano affinché governasse l’Italia per tutto il mandato (e il fatto che ce la stia facendo a portare a termine l’incarico le rode, vero? Eccome se le rode!)
Abbiamo avuto il piacere di non sentire gli sproloqui del "bel" Rutelli, la cui più recente sparata è stata: "con questo governo, basta un po’ di neve e l’italia si ferma". Si riferiva alle autostrade appenniniche bloccate dall’ultima grande nevicata. Ma che memoria corta che ha il da alcuni definito "Cicciobello"! Si scorda che se le autostrade nord-sud sono intasate dal traffico è perché proprio i Verdi e il centrosinistra hanno sempre boicottato varianti e ampliamenti, in una malintesa tutela dell’ambiente che non tiene però conto della tutela della vita degli automobilisti e dei camionisti che ogni giorno per portare a casa il pane percorrono strade e autostrade che hanno da tempo superato il livello di saturazione.
Abbiamo avuto, insomma, almeno per due giorni, il piacere di non sentire la voce di coloro che fingono di essersi dimenticati che prima del governo di centrodestra l’Italia l’hanno maneggiata loro per anni e anni e tutti noi, ancora oggi, stiamo pagando le conseguenze del loro malgoverno.
Che bel silenzio…
Peccato che da domani tutti riprenderanno a parlare…
E, soprattutto, peccato che per farli tacere ci sia voluta l’agonia del papa, anziché il buonsenso.

Diana Lanciotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *